mercoledì 29 marzo 2017

MOTOGP

MIGLIORE RISULTATO DI APRILIA IN MOTOGP CON ALEIX SESTO IN QATAR
Nelle parole di Romano Albesiano, Manager di Aprilia Racing, c’è tutta la felicità per il miglior risultato dell’Aprilia dal suo rientro in MotoGP: “non ci accontentiamo, Aleix ci sta trascinando e la RS-GP crescerà ancora”. E in effetti a ben guardare sia le prove pre campionato che le soluzioni tecniche e aerodinamiche messe in pista dal costruttore italiano, sembra proprio che quest’anno potrebbe essere foriero di soddisfazioni per la casa di Noale.
La RS-GP ha dimostrato d’essere al momento più performante in gara che non sul giro secco, garantendo una costanza di rendimento anche nella seconda metà della corsa al punto che in gara Aleix ha fatto segnare il terzo miglior tempo mantenendo un passo vicino ai piloti di testa e contenendo il distacco sul traguardo a 7,6 secondi dal vincitore. Con una rimonta entusiasmante a causa della posizione penalizzante in griglia, lo spagnolo ha costruito in pista il suo miglior risultato e a fine gara ha rilasciato questa dichiarazione: “sono davvero molto felice, per me e per Aprilia - ha dichiarato Espargaro -. Questo risultato arriva dopo un grande lavoro durante l'inverno, non mi sono risparmiato in nulla a partire dalla condizione fisica e ho affrontato questo progetto con grande motivazione dall'inizio. La mia RS-GP nella seconda metà di gara è stata spettacolare, avevo molta più trazione rispetto agli avversari e riuscivo a sorpassare con facilità. Sapevamo di poter avere un vantaggio in condizioni di scarso grip, la moto tratta bene le gomme e anche se nei primi giri non potevo essere incisivo come gli altri il mio passo complessivamente è stato davvero buono. Peccato per la posizione di partenza, dover recuperare tante posizioni ci ha precluso un risultato ancora più sorprendente ma va bene così, siamo partiti con il piede giusto e ora vogliamo continuare". Discorso diverso per il compagno di squadra Lowes, diciottesimo al traguardo nella sua prima gara in MotoGP, che ha puntato prima di tutto a concludere la corsa: “è stata una gara difficile, nei primi giri sono andato lungo un paio di volte perdendo il gruppo. Il bilanciamento della moto è cambiato parecchio durante la gara, verso la fine riuscivo a essere più veloce dei piloti che avevo davanti e questa informazione ci servirà per capire come lavorare sul setup. Non sono ovviamente contento ma innanzitutto ho finito la mia prima gara in MotoGP, viste le condizioni non era scontato. Sicuramente l'aver perso un giorno di prove non mi ha aiutato, ho ancora bisogno di lavorare su me stesso e sulla moto quindi ogni sessione diventa fondamentale. Dobbiamo prendere quanto di buono imparato e iniziare a pensare all'Argentina”. In generale le buone performance del team, dei piloti e della motocicletta sono il risultato di un lavoro di gruppo iniziato l’anno scorso. Nelle dichiarazioni di Romano Albesiano, Manager di Aprilia Racing, traspare l’entusiasmo e l’ottimismo per il futuro: “è stata una gara bellissima, siamo felici. Analizzando con calma dobbiamo dire che tutta la prestazione nel weekend è stata ottima. Con la cancellazione delle qualifiche è stato il warm up a dare la misura delle nostre potenzialità. Aleix non è partito benissimo ma è stato straordinario tenendo quel passo in gara. Ovviamente non ci accontentiamo, Aleix ci sta trascinando tutti con grande entusiasmo ed evidentemente la RS-GP funziona bene in tutte le aree confermandosi una moto molto votata alla gara, avendo la capacità di tenere una grande costanza nella prestazione, un gran passo soprattutto nella seconda metà di corsa. Dobbiamo migliorare nel giro secco e qui avevamo cose da provare in Q1 ma l’annullamento della qualifica ci ha penalizzato. Se Aleix fosse partito più avanti poteva davvero fare qualcosa di clamoroso. Ciononostante festeggiamo perchè questa prestazione ci da entusiasmo e sicurezza per crescere”. Dello stesso parere è Fausto Gresini, Team Manager, che ha detto: “per l’entusiasmo che ci ha regalato questa è una specie di vittoria. Aprilia ha davvero messo il cuore in questo progetto e Aleix ha fatto vedere quanto può crescere questa moto. Se fosse partito da una posizione più avanzata, largamente alla sua portata e lo abbiamo visto anche nei test qui in Qatar, poteva davvero stare coi primi. Nell’inverno è stato fatto un gran lavoro e oggi l’Aprilia può davvero lottare coi migliori”.