martedì 21 marzo 2017

YAMAHA XSR 700 “HANSAMU” by AD HOC CAFÉ RACER

YIN E YANG
Esattamente che tipo di motocicletta è la Yamaha XSR 700? Scrambler sportiva? Cafè racer post moderna? Naked neo retrò per il turismo in coppia? Sinceramente riteniamo che sia tutto ciò che abbiamo appena elencato e nulla di preciso; in realtà ci piace immaginarla come un’onesta motocicletta simile a una tela bianca che con il suo stile trasversale riesce a ispirare special ora di un tipo e ora di un altro in base al gusto dell’osservatore o del preparatore.

Quella che vedete in foto è la Hansamu, versione “civilizzata” della Otokomae costruita sempre sulla base della XSR 700 per il programma Yard Build in vista del salone di Milano dello scorso anno. Per rendere l’idea della differenza tra le due preparazioni David González (fondatore di Ad Hoc Café Racer) dice che bisogna immaginarle come lo yin e lo yang. Attingendo dal catalogo Puig (che avevano già ampiamente visionato per la Otokomae ) modificano la XSR 700 sostituendo i fianchetti sul serbatoio e quelli laterali, il manubrio (con relative manopole, leve e specchietti), i parafanghi, le pedane, le luci, gli indicatori di direzione e il tappo del serbatoio. Altri cambiamenti hanno interessato la nuova sella, le gomme Pirelli serie MT60 blandamente tassellate, lo scarico SC e un nuovo faro anteriore. La colorazione nera interrotta unicamente dal serbatoio rosso e dal fregio, completano una preparazione sicuramente molto personale che esalta la compattezza della Yamaha regalando una sensazione d’agilità e leggerezza che porta a osare anche chi non lo ha mai fatto. Altro aspetto positivo, oltre al non aver modificato in alcun modo il telaio e le sospensioni, è l’aver utilizzato accessori reperibili facilmente nel settore aftermarket. La filosofia del programma Yard Build è quella di proporre ai clienti delle special approntate con un budget ridotto e utilizzando accessori che potrebbe comprare chiunque. Allo stesso modo David González con questa preparazione ha dimostrato come l’XSR 700 proprio per la sua natura polivalente può essere amalgamata intorno alle esigenze e ai gusti del singolo proprietario con pochi e mirati ritocchi, completando i due lati della medaglia (se volete, lo yin e lo yang): la ribelle punk Otokomae e la più civilizzata Hansamu.