martedì 10 febbraio 2015

HARLEY-DAVIDSON

SPORTSTER 1200 XL “EZXL” by BILTWELL INC
Come vi immaginereste una preparazione custom su base Sporster? E da dove partireste? Qualche tempo fa mi sono posto questa domanda ed ho cominciato a vagare per il web. Esistono diverse scuole di pensiero: chi vuole una Sporty più comoda chi più sportiva chi più chopper chi più custom e così via.
Quel che mi ha colpito maggiormente però è stata la difficoltà di abbassare il peso generale della moto senza intervenire in modo invasivo. Praticamente sostituivi il manubrio e il peso non calava, modificavi il parafango ma dovendo aggiungere nuovi agganci e telaietti ausiliari il risultato era simile. Insomma modificare una Sporster qualunque fosse il progetto obbligava più ad aggiungere che a togliere. Fino a quando non mi sono imbattuto nella EZXL che vedete in foto. La customizzazione della Sporster 1200 XL del 1999 a carburatori mi ha subito colpito per la semplicità delle modifiche, per la pulizia dell’esecuzione e per quell’aria di leggerezza che aveva l’insieme. Approfondendo ho capito: la moto era stata spogliata di tutto ciò che doveva essere modificato e poi ricomposta solo con lo stretto necessario. Ecco il segreto: eliminare e basta piuttosto che modificare semplicemente. In buona parte gli accessori aftermarket provengono dal catalogo della Bltwell Inc. di cui Bill Bryant (proprietario della Sporty) è parte integrante del team. La prima modifica sostanziale è stata la rivisitazione totale dei cablaggi elettrici che sono stati semplificati e l’eliminazione (sigh!) dei fender posteriori. Utilizzati pneumatici con disegno del battistrada old style, nuovi ammortizzatori progressivi posteriori e molle più dure per la forcella. Il prppulsore ha ricevuto una nuova accensione, marmitte accorciate, filtro aria BCM e carburatore Biltwell maggiorato; alcuni particolari sono stati colorati con vernice nera raggrinzente ed altri lucidati. Sempre di provenienza Biltwell sono lo sterzo, il fanale posteriore, i riser, il porta targa laterale, le manopole, l’acceleratore e la sella trapuntata (modificata per il nuovo telaietto posteriore fatto ad hoc). I parafanghi sono stati o eliminati (davanti) o ridotti drasticamente nelle dimensioni (dietro). La grafica e l’accostamento cromatico degli elementi conferma la semplicità che sta alla base della preparazione con cerchi lucidati e colorazione blu pastello di serbatoio (con filetti bicolore) e codino. La Sporster è diventata talmente leggera e cattiva che Bill ha corso nella manifestazione “Hell On Wheels” con la EZXL. Perché questa Sporty su Garage Italiano? Perché ha stile, è leggera, veloce e può essere replicata facilmente nel proprio garage. Serve altro?