venerdì 28 luglio 2017

IL BELLO E IL BRUTTO DEI TEMPI MODERNI

Per chi non può permettersi una Triumph originale, la Kawasaki rappresenta la migliore alternativa per realizzare una special da fuoristrada in stile anni ’60.

Ogni medaglia ha il proprio rovescio. Una volta esistevano gli LP e per “scambiarsi” clandestinamente i bootleg si usavano le musicassette. Girare per negozi (di dischi o di vestiti poco importa) era una scusa per “scappare” dalle urgenze scolastiche e familiari…e in ultima istanza anche per uscire con la passione del momento. Riuscire a possedere una motocicletta (o anche un più umile ciclomotore) era la sublimazione della libertà conquistata, che odorava di benzina super, rossa e a 98 ottani e che scombinava i capelli già a 30 chilometri orari (perché il casco non era ancora obbligatorio).

MOTO GUZZI V9

La gamma V9 si evolve nel segno del comfort con nuovi particolari dedicati che rendono la Roamer e la Bobber ancora più comode ed emozionanti.


Nella storia lunga quasi un secolo di Moto Guzzi, le motociclette custom non rappresentano certo una novità: fanno infatti parte di questo segmento alcuni dei modelli più conosciuti, amati e diffusi della produzione di Mandello, tra i quali l’indiscussa regina è la California. Proprio nel solco della tradizione, e del successo, ottenuto da questo modello nato nel 1971, Moto Guzzi progettò e costruì modelli di cilindrata media, adatti a coprire le richieste di una fascia di utenti in notevole aumento. Come la V35 Custom del 1979, sostituita poi dalla più prestante V50, a sua volta rimpiazzata dalla V65 Florida, passando poi per la famosa e apprezzata Nevada, nata nel 1989 sulla base collaudata della V75 del 1985.

mercoledì 26 luglio 2017

BOMBASSEI NELL’AUTOMOTIVE HALL OF FAME

Il presidente della Brembo SPA, Alberto Bombassei, entra ufficialmente nell’Automotive Hall of Fame.

Pur trattandosi di automotive la notizia che riportiamo è interessante per il mondo del motociclismo perché Brembo è un’azienda che opera in entrambi i settori (sia per quanto riguarda la produzione che lo sport). A maggior ragione fa piacere sottolineare che si tratta di un’azienda italiana che il mondo c’invidia e che viene utilizzata come primo equipaggiamento su vetture e motociclette di ogni nazione.

FUEL BAJA V65: LA GUZZI AFRICANA

Realizzata da Fuel Motorcycles, la Fuel Baja V65 è stata creata per percorrere i 2.500 km della Scram Africa 2016.

Se pensate che per viaggiare in Africa siano adatte solo alcune moto (BMW, Honda, Yamaha e KTM) e scooter (l’inarrestabile Peugeot color beige) vi sbagliate di grosso. Infatti non solo la Moto Guzzi ha partecipato alla più famosa e massacrante maratona che l’uomo abbia mai creato (la mitica Paris/Dakar) ma sfruttando la Scram Africa, manifestazione dallo stile vintage che prevede un percorso che va dalla Spagna al Marocco su moto rigorosamente con almeno trent’anni, ha rimesso le proprie ruote sulle psite sabbiose del continente nero.

martedì 25 luglio 2017

MV AGUSTA, FUORI I TEDESCHI DI AMG

MV AGUSTA Holding completa la propria ricapitalizzazione con il fondo d’investimento ComSar Invest e acquista le azioni di AMG.
MV Agusta Holding consolida il proprio aumento di capitale attraverso ComSar Invest, fondo d’investimenti del Gruppo Black Ocean di proprietà di Timur Sardarov, importante dinastia russa principale produttore petrolifero nell’Est Europa. MV Agusta Holding annuncia altresì l’acquisto del 25% delle azioni che Mercedes AMG detiene nello storico produttore di motociclette italiano MV Agusta Motor S.p.A.

ABBIGLIAMENTO E SICUREZZA IN MOTO

L’importanza d’indossare un abbigliamento tecnico adeguato (e completo) quando si va in motocicletta.

La discussione che stiamo per affrontare nasce da una foto, apparentemente divertente, che circola in rete e che ritrae un motociclista in sella a una potente naked con indosso una camici di jeans con le maniche arrotolate, pantaloncini corti, un paio di crocs e nessuna protezione per schiena e mani. La particolarità nella particolarità era l’uso di un casco jet (sicuramente a norma) che probabilmente lo sollevava dalla paura d’essere multato.

lunedì 24 luglio 2017

BENELLI WEEK 2017

Torna l’evento dedicato a tutti gli appassionati della Casa del Leoncino

Torna in scena dall’11 al 17 settembre, la Benelli Week 2017, evento dedicato a tutti gli  appassionati  della  Casa  del  Leoncino,  che  ormai  ogni  anno  si  danno appuntamento  a  Pesaro  per  l’iniziativa  organizzata  da  Registro  Storico  Benelli, Motoclub Tonino Benelli e Benelli QJ. L’evento sarà dedicato quest’anno a Tonino Benelli, a 80 anni della sua scomparsa, avvenuta  il  27  settembre  1937. 

LA REPLICA DEL MILLENNIO

Race replica di una Norton da gara, fatta da un…tedesco!

Ci sono le moto da corsa originali che odorano del tempo che passa, di olio consumato e gomme bruciato. E poi ci sono le repliche. Ma di due tipi: quelle che vengono realizzate da zero rispettando il progetto originale (e forse sono la migliore, e meno esosa, alternativa alle originali) e quelle che utilizzano una base originale, modificata per assomigliare alla versione da competizione.

domenica 23 luglio 2017

SULLA VIA DELLA SETA CON MOTO GUZZI E RISO SCOTTI

Per 18 giorni, Riso Scotti e Moto Guzzi sono stati on the road con una spedizione che ha attraversato 6 Paesi per approdare in Cina er portare aiuti ai ragazzi della Casa dell'Accoglienza di Samarcanda.

L’idea è tanto semplice quanto avventurosa: circa 4.000 km sulla mitica Via della Seta (e del Riso!), per portare due storici marchi italiani ad uno straordinario incontro e confronto di culture. Con Riso Scotti, infatti, sono state protagoniste del viaggio ben 22 Moto Guzzi V7 III Stone, per affrontare 3 passi di montagna fin oltre i 4.500 metri di altitudine, il deserto Turkmeno e la Porta dell’Inferno, l’incredibile Altopiano del Pamir lungo il confine afgano.

MXGP REPUBBLICA CECA: VITTORIA AMARA PER TONY

83esima vittoria per Cairoli, funestata dalla tragica morte del giovane Igor Cuharciuc nella EMX85.

Non deve essere stato facile per Cairoli (e per tutti gli altri piloti) scendere in pista a Loket dopo la notizia della scomparsa del giovane Igor Cuharciuc nella classe EMX85. Ciononostante dopo il doveroso minuto di silenzio, in gara uno Tony, vincitore al sabato della manche di qualifica, è scattato prontamente dal cancello transitando alla prima curva nel gruppo dei primi cinque.

giovedì 20 luglio 2017

LE SPORTIVE PER TUTTI

Ninja 650 e Z650, le due sportive bicilindriche della casa di Akashi, si rinnovano nel 2018 con nuovi colori e inediti trattamenti grafici.

Le prime due nuove colorazioni per la Kawasaki Ninja 650 my2018 Pearl Storm Gray/Ebony  e Candy Plasma Blu saranno presto disponibili presso i concessionari ufficiali. La Ninja 650 con il suo performante motore bicilindrico ed una distintiva personalità Ninja ha le carte in regola per soddisfare le esigenze di chi è alla ricerca della prima moto sportiva con doti uniche di versatilità e leggerezza.

LO PSICOLOGO SPORTIVO

Due chiacchiere con il pilota della Superbike Alex Lowes per capire se e quanto serve davvero lo psicologo sportivo.

Sul sito ufficiale Yamaha Racing è uscito un articolo interessante dedicato allo psicologo sportivo, figura sempre più presente all’interno dei box e di cui i piloti sembrano non volere (o non potere?) fare più a meno. L’argomento prende spunto da una chiacchierata con Alex Lowes, pilota ufficiale del team Pata Yamaha, che prova a spiegare chi sono, cosa fanno e quali vantaggi producono gli psicologi sportivi. Lowes ha avuto un inizio di stagione positivo nel campionato 2017 FIM Superbike. Il pilota britannico ha conquistato diversi podi raggiungendo una costanza e un ritmo tali da permettergli di occupare attualmente il quinto posto nella classifica del campionato. Uno dei motivi a cui attribuisce questo nuovo atteggiamento è stato il suo lavoro con uno psicologo sportivo.

Intervistatore: Cosa ti ha spinto a fare uso di uno psicologo sportivo?
Lowes: Una delle cose più importanti come atleta professionista è che si desidera migliorare ogni aspetto con la moto, con la squadra o con se stessi. A livello superiore, si tratta di massimizzare tutto per assicurarsi di raggiungere il pieno potenziale. Volevo solo assicurarmi d’ottenere il massimo da me. In passato ero solito provare troppo, non ho mai lottato per la motivazione e ho dovuto imparare a controllare la mia passione e non irritarmi in determinate situazioni. Siamo a un livello così alto che qualsiasi vantaggio che si può ottenere, non importa quale, può aiutare. Quando le cose vanno bene e si vince, è facile essere tranquilli e controllati, ma quando non va bene, è molto più difficile. Per me, è fondamentale imparare a controllare le mie emozioni e massimizzare il mio potenziale.

I: Su che tipo di lavoro ti sei concentrato?
L: La cosa più grande su cui ci concentriamo è fare un passo indietro. È importante darsi spazio per esaminare cosa sta succedendo. Ciò consente di concentrarsi e fermare altri fattori che ti interessano, dandosi spazio mentale per affrontare le cose e garantire che la tua testa sia limpida quando sei sulla moto. Lavoriamo su come affrontare qualsiasi problema che nasce e imparare l'importanza di parlarne. Se lasci che i pensieri si accumulino nel tuo cervello, sia a lavoro che a casa, non sei sereno e questo non è un bene. Se sei in una posizione in cui hai molto spazio e hai un piano, tutto è molto più bello e più chiaro.

I: Quanto spesso vi vedete?
L: Sono molto in contatto con lui, ma meno che all’inizio. Per i primi 3-4 mesi ho lavorato molto a stretto contatto con lui. Sto imparando a capire tutto il processo. Lui è sempre lì se ho bisogno, ma ora sono io ad avere il controllo di me stesso. È un caso di apprendimento dei principi e delle teorie che poi applichi autonomamente.

I: Che differenza hai osservato in te?

L: È difficile dirlo parlando di puro rendimento, perché non è possibile confrontare i risultati di quest'anno con quelli dell'anno scorso, in quanto ci sono troppe variabili da prendere in considerazione, come i miglioramenti con la moto. Sono un po’ più calmo mentalmente e questo significa che posso essere più costante. In generale ho imparato che nulla è così pessimo come si pensa. D’altra parte non è neppure mai così buono come si pensa, è solo la vita che va avanti. Ciò è particolarmente vero nello sport e ancor di più in moto. Se puoi imparare ad essere felice con te stesso, con il tuo lavoro, la tua relazione e la tua vita, puoi comunque vincere. Se vinci una gara o finisci decimo, l'unica differenza nella tua testa è quello che tu permetti che sia. Quindi la cosa più grande che ho imparato è di non prendere nulla sul personale. Bisogna provare a migliorare le cose quando non stanno andando bene e godere delle cose quando vanno bene.  Mantenere le cose semplici. Tre o quattro anni fa on avrei mai detto che c'è molto altro nella vita di oltre la moto. Se vinci il Campionato del Mondo è un successo enorme, ma in dieci anni, nel grande schema delle cose, nessuno se ne preoccuperà veramente. Voglio essere il Campione del Mondo perché questo è quello che voglio fare, ma ora finché faccio del mio meglio, posso essere felice. Sono anche molto più felice di correre e sono grato per questo esattamente come lo sono del godermi la vita.




INDIAN SCOUT BOBBER M.Y.2018

Indian rilancia lo stile bobber e presenta la nuova Scout “abbassata” seguendo i feedback dei clienti che hanno modificato le proprie motociclette.

Mentre i proprietari di Indian Scout di tutto il mondo modificano i propri mezzi con un look bobber, una Scout ufficiale bassa e lunga e con ruote “ciccione” entra nel listino del costruttore americano. Il team Industrial Design della Indian ha infatti sviluppato sulla base della Scout, un bobber di serie che fa sue i dictat fondamentali di questo tipo di motociclette rifacendosi ai modelli originali del passato.

RIZOMA

Nuova linea d’accessori firmata Rizoma per la Yamaha MT-09

Guidata dall'entusiasmo visionario dei suoi fondatori, in poco più di 10 anni Rizoma ha fatto molta strada. Nata nel  2001 come piccola officina meccanica alle porte di Milano, oggi è riconosciuta a livello globale come Brand leader in soluzioni tecnologiche d’avanguardia nel settore bike e motorcycle, con prodotti unici dal design evoluto distribuiti in tutto il mondo.

mercoledì 19 luglio 2017

A SCUOLA CON DUCATI

Al via la VII edizione del laboratorio estivo di fisica applicata alle moto della Summer School di Ducati
Fondazione Ducati presenta la VII Summer School “Fisica in Moto”, prevista dal 17 al 21 luglio nella sede di Ducati a Borgo Panigale. Accedono alla scuola, organizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, 21 ragazzi e 4 ragazze, scelti tra 115 candidati del IV e V anno dei licei e degli istituti tecnici di tutta Italia, forti di un’eccellente preparazione, ma anche spinti dalla passione per le moto e dalla curiosità per la fisica.

TOURATECH R9X: A ME GLI OCCHI!

E’ stato presentato il progetto "R9X" della Touratech Racing basato sulla BMW R nineT pesantemente modificata dal preparatore tedesco.

Touratech ha più di dieci anni di esperienza quando si tratta di competere in corse di moto con le cosiddette "Fat Ladies": dalla TB 652 Oryx, una conversione su base BMW F 650 GS che è stata utilizzata con successo nella 24 ore di Torgau, alla Husqvarna Nuda nell'Erzberg fino alla vittoria di classe all'Hellas Rally con una Honda Africa Twin Touratech Racings. La ragione di questo impegno eccezionale è principalmente pratico: il dipartimento sviluppo della Touratech utilizza queste competizioni estreme per valorizzare e testare nuovi prodotti in condizioni estreme proprio come accade per i reparti corsa ufficiali dei costruttori di moto.

lunedì 17 luglio 2017

YAMAHA MX PRO-TOUR 2017: DAI SFOGO ALLA TUA VOGLIA DI YZ

Sabato 22 e domenica 23 luglio, il circuito di Dorno ospiterà la tappa italiana del tour internazionale di Yamaha dedicato alla rinnovata gamma YZ m.y. 2018.

È in programma nel fine settimana del 22 e del 23 luglio la tappa italiana di Yamaha MX Pro-Tour, la serie di appuntamenti internazionali dedicata alla nuova gamma cross di Casa Iwata. Ospitata dal tracciato di Dorno (PV), la famiglia YZ m.y 2018 di Yamaha offrirà a tutti gli appassionati crossisti la possibilità di lasciare sul tracciato il segno dei tasselli delle due tempi YZ 85 ed YZ125 e delle straordinarie quattro tempi YZ250F e YZ450F, quest'ultima la grande novità dell'anno. Grazie alla sua filosofia "Forward Thinking", pensiero improntato sulla continua ricerca della tecnologia più avanzata e delle migliori prestazioni, la Casa dei tre diapason è divenuto uno dei brand più dinamici e di maggior successo nel mondo off-road.

SUZUKI DEMO RIDE PIEMONTE E LOMBARDIA

Quattro appuntamenti, il  22  e  23  luglio, dedicati  ai  test  ride  della  gamma  Suzuki  arrivano  a Novara, Bergamo e Verbania per provare tutte le novità Suzuki.

Il  Suzuki  DemoRide  Tour  continua  lungo  tutto  l’Italia  con  il  suo  calendario  di promozione  della  gamma  Suzuki  dei  nuovi  modelli  che  questa  settimana  vede l’arrivo della GSX250R.  Un’occasione  imperdibile,  per  effettuare  un  test  ride  e  valutare  le  offerte disponibili che Suzuki offre ai suoi Clienti. Questa settimana le tappe sono le seguenti:

domenica 16 luglio 2017

HONDA SUPER CUB C 70 “SEA SIDER” by DEUS - SCOOTER E SURF PER TUTTE LE STAGIONI

Nato in Australia e California, l’accostamento moto/surf è diventato un must anche dalle nostre parti. Ecco l’interpretazione di Deus sull’argomento.

In parte ricorda la famosa Fiat Eden Roc degli anelli, una piccola 600 multipla trasformata in auto estiva ispirandosi, per interni e accessoristica ai motoscafi Riva. E più o meno la piccola Sea Sider incarna il medesimo spirito balneare applicato al binomio moto/surf. Nata come moda necessaria in Australia e California per poter coniugare le due passioni, le motociclette attrezzate per poter trasportare una tavola da surf sono diventate un must anche nelle nostre latitudini trasformandosi, oltre che in un filone ben definito di preparazione dei mezzi, anche in un vero e proprio stile di vita.

SUPERBIKE USA: BMW BENE E MALE

Gara uno chiusa bene da Torre e De Rosa e gara due da dimenticare per il team Althea Racing che vede entrambe le moto ritirate dopo altrettante cadute

Fortuna e sfortuna si sono accanite con il team Althea durante la trasferta americana. Se al sabato i piloti hanno completato la gara chiudendo al settimo (Torres) e al tredicesimo (De Rosa) posto, domenica entrambe le moto si sono ritirate dopo altrettante cadute durante la gara. Chi ha pagato maggiormente lo zero in gara due è stato Torres che, dopo il ritiro di Camier, avrebbe potuto allungare in classifica generale e guadagnare l’ottavo posto. Ciononostante il round americano ha messo in luce anche aspetti positivi.

giovedì 13 luglio 2017

VESPA “SEI GIORNI” ALLE ORIGINI DEL MITO

Dalla storia leggendaria della sei giorni nasce un modello mitico, in versione speciale e numerata della vespa più potente e tecnologicamente avanzata di tutti i tempi.

La tecnologia e la vocazione al turismo tipiche della famiglia Vespa GTS, incontrano la storia e la più autentica tradizione sportiva di Vespa. Nasce così l’esclusiva Vespa Sei Giorni, una versione speciale, prodotta in edizione numerata, erede dell’originale e omonima Vespa Sport “Sei Giorni”. Un modello entrato nella leggenda, realizzato appositamente per la massacrante gara di regolarità “Sei Giorni Internazionale di Varese” del 1951, nella quale fu protagonista assoluto e sorprendente, conquistando 9 medaglie d’oro.

SUPERBIKE USA: MV AGUSTA ANCORA ALTALENANTE

Sesta con Camier in gara uno e ritiro in gara due. MV Agusta continua ad alternare buone prestazioni con gare incolore.

Urge una svolta che dia la scossa al progetto F4 RC e alle prestazioni in pista. Perché è evidente che la moto è veloce e il pilota da podio, ma manca quello step evolutivo che permetterebbe a entrambi d’essere stabilmente nella top five. Sbagliando si crede che l’F4 sia un progetto vecchio quando nella realtà si tratta piuttosto di un modello che anno dopo anno viene affinato senza stravolgerne l’essenza.

SBK USA: HONDA FUORI DALLA TOP TEN MA IL RITMO E’ COSTANTE

Bradl che Gange finiscono rispettivamente undicesimo e quindicesimo sia in gara uno che in gara due segnando punti importanti e mostrando un passo costante.

Stretti tra la morsa del sole cocente della California e dell’asfalto rovente, le due Honda ufficiali guidate dal Bradl e da gange (in sostituzione dell’indimenticato Hayden) hanno gestito due gare difficili portando a casa punti importanti per la classifica piloti e costruttori. Entrambi i piloti hanno chiuso sia in gara uno ce in gara due in undicesima (Bradl) e quindicesima (Gagne) posizione con l’americano che entra di diritto nella classifica mondiale con due punti e il tedesco tredicesimo ma con l’aspirazione di chiudere il 2017 nella top ten.

BMW SPECIALI MA DI SERIE

BMW presenta il programma BMW Motorrad Spezial (con la “Z”), per assaporare il gusto della personalizzazione direttamente in fabbrica.

Con il lancio della R Nine T, BMW Motorrad ha riconosciuto la tendenza alla personalizzazione e ha fatto passi importanti in questo segmento ampliando la famiglia R Nine T fino a comprendere cinque modelli nel 2017. Ora BMW sta estendendo la sua gamma di modelli che si prestano alla personalizzazione con il programma BMW Motorrad Spezial e offre opzioni distintive per quanto riguarda il design, la valorizzazione delle prestazioni e altre personalizzazioni esclusive ex fabbrica.

martedì 11 luglio 2017

BMW PRESENTA IL NUOVO CRUSCOTTO OPZIONALE PER RIMANERE SEMPRE CONNESSI (E NON SOLO).

BMW presenta l’equipaggiamento opzionale Connectivity, strumento multifunzione con display a colori colori da 6,5 ​​pollici che offre una vasta gamma di funzioni.

Fornire informazioni veloci e chiare al pilota riducendo al minimo le distrazioni da ciò che succede sulla strada è il concetto intorno a cui ruota il funzionamento del nuovo optional BMW basato su un display TFT a colori a 6,5 ​​pollici di alta qualità. Il pilota può accedere rapidamente alle funzioni della motocicletta e della connettività con un elevato livello di comfort grazie all’avanzato multi-controller BMW e all'approccio integrato. Inoltre il nuovo display TFT unisce la tradizionale visualizzazione "classica" di dati come il numero di giri e la velocità con la nuova tecnologia, offrendo così un'enorme gamma di funzioni.

SUPERBIKE USA: SUPER CHAZ

Rientrato dal terribile infortunio di alcune settimane fa, Davies Vince di forza gara uno e chiude gara uno e finisce a podio in gara due. Melandri in difficoltà incalzato da Fores.

Dopo il terribile incidente di Misano, c’erano grossi dubbi che il gallese della Ducati avrebbe potuto prendere parte al gran premio degli USA. E invece, dopo l’ok dei medici, ha spiazzato tutti con una vittoria di forza in gara uno e con il terzo posto in gara due. Nel primo round la lotta per la vittoria si è subito limitato a tre piloti: Davies, Rea e Sykes. Il ducatista ha preso la testa della corsa all’undicesimo giro per poi allungare su Rea unico vero antagonista per il primo posto (sul traguardo l’inglese accuserà un ritardo di 1,2 secondi) mentre Sykes cominciava a perdere decimi su decimi sul duo di testa.

lunedì 10 luglio 2017

BMW AGGIORNA I MODELI 2018 PER VALORIZZARE ULTERIORMENTE SICUREZZA E DIVERTIMENTO

BMW  M.Y. 2018: nuovi colori ed equipaggiamenti per incrementare sicurezza e divertimento alla guida. Configurazioni disponibili da Agosto 2017

BMW Motorrad sta ora ampliando la sua gamma di personalizzazioni con BMW Motorrad Spezial e offre design distintivo, valorizzazione delle prestazioni e dei valori, nonché opzioni esclusive di personalizzazione già in fabbrica. La nuova offerta comprende finiture speciali di verniciatura per alcuni modelli selezionati, pacchetti di alta qualità, nonché ruote forgiate. Altra novità è il BMW Motorrad Connectivity, sistema che offre informazioni rapide e chiare per il motociclista con la minima distrazione possibile rispetto a quello che avviene sulla strada.

SUPERBIKE USA: YAMAHA TRA ALTI E BASSI

Problemi di grip e temperature elevate relegano la Yamaha e i suoi piloti nella top ten ma lontani dalle posizioni di testa.

Oramai dopo due anni il progetto non può essere definito ancora in fase di studio o di rodaggio. L’R1 appare veloce ma carente sotto l’aspetto della tenuta degli pneumatici fino a fine gara. I piloti alternano ottime prestazioni in qualifica e in gara con altre ben più deludenti al punto che, talvolta, nella foga della rimonta cadono perdendo punti preziosi. Laguna Seca non ha fatto eccezione con qualifiche da dimenticare per Van der Mark (13 in griglia) e gara uno risoltasi con una caduta per Lowes quando si trovava i undicesima posizione e stava spingendo per risalire la classifica.

DUCATI 1299 PANIGALE R FINAL EDITION: TRIBUTO AL BICILINDRICO ITALIANO

Atto finale con livrea tricolore della gloriosa stirpe Panigale, in attesa della nuova supersportiva (a quattro cilindri) di Ducati.

Una moto speciale ed esclusiva, come un vero e proprio attestato di riconoscenza e amore per il motore che ha fatto la storia Ducati e ha scritto pagine indelebili del Campionato Mondiale Superbike. La nuova 1299 Panigale R Final Edition va ben oltre la moto con una livrea dedicata o la serie speciale. Ducati l’ha realizzata per celebrare il “bicilindrico”, che in questa moto viene proposto nella sua massima espressione, creando una livrea “tricolore”, accattivante ed evocativa al tempo stesso.

SBK USA: REA A UN PASSO DAL TITOLO

Doppio podio in entrambe le manches e vittoria in gara due per Rea che allunga in campionato e ipoteca seriamente il terzo titolo mondiale consecutivo.

Poche storie, il mattatore della stagione 2017 è ancora Rea. Da quando il britannico è approdato nel team ufficiale Kawasaki nel 2015 ha monopolizzato il campionato delle derivate di serie vincendo all’esordio il suo primo titolo e ripetendosi l’anno successivo con una costanza da caterpillar lasciando agli avversari solo le briciole. E se, come sembra, riuscirà a conquistare l’iride anche quest’anno, sarà il primo pilota nella storia della Superbike a portare a casa tre titoli consecutivi; e nulla vieta di supporre che possa anche tentare l’assalto ai quattro mondiali di Carl Fogarty, il più titolato della categoria.

giovedì 6 luglio 2017

MOTOGP SACHSENRING: APRILIA CRESCE, CRESCE, CRESCE!

Aprilia in continua crescita e sempre più vicina ai primi. Espargarò chiude settimo mentre Lowes scivola mentre si trovava in zona punti.

Oramai le performance di Espargarò non sono più estemporanee e frutto di fortunate coincidenze o di cadute dei piloti davanti. Lo spagnolo dimostra d’essere costante sia in qualifica che in gara con la sua RS-GP al punto da chiudere settimo sul circuito del Sachsenring e facendo segnare il quinto migliore crono in gara. Ma come spesso accade quest’anno, il risultato è figlio anche di una buona qualifica chiusa nella top ten e più precisamente in ottava posizione. Partendo dalla terza fila Espargarò ha potuto sfruttare appieno il potenziale della sia Aprilia fin dai primi giri puntando direttamente alla testa della gara.

MOTOGP SACHSENRING: SUZUKI MIGLIORA NONOSTANTE I RISULTATI

Per quanto i risultati non siano stati positivi in gara, in Suzuki sono fiduciosi soprattutto guardando i tempi fatti segnare da Iannone.

Chiuse le polemiche dei giorni scorsi circa la presenza della fidanzata di Iannone nei box e le parole al vetriolo di Schwantz rivolti al pilota italiano, si torna a parlare di performance in gara delle Suzuki guardando non tanto al (disastroso) esito del round tedesco quanto piuttosto ai tempi in pista. Andrea, infatti, prima della caduta ha sfruttato un’ottima partenza che lo ha portato a superare parecchi avversari e ha imposto un ritmo simile a quello del gruppo di testa incalzando di fatto i piloti della top ten.

MXGP AGUEDA: ANCHE IN PORTOGALLO CAIROLI C’E’!

Nuova vittoria per il campione messinese sulla pista portoghese dove domina incontrastato (tra vittorie e podi) dal 2005. E il titolo è sempre più una concretezza.

Dopo tre anni di pausa il campionato di motocross torna sulla terra rossa della pista portoghese di Agueda dove Cairoli domina incontrastato dal 2005 con cinque vittorie e altrettanti podi. E dopo tre anni il campione messinese ha confermato l’ottimo feeling con il circuito vincendo anche questo round e allungando in campionato. Dopo una buona qualifica e un altrettanto buona partenza nella prima manche della domenica (in cui ha segnato il decimo hole-shot stagionale con la sua KTM 450 SX-F) il messinese ha terminato in seconda posizione dopo essere stato superato dal compagno di marca Herlings, che ha preso un piccolo margine.

MOTOGP SACHSENRING: OCCHIO ALLE LATTINE VOLANTI!

Il progetto di KTM in MotoGP comincia a risalire la classifica. E sul circuito tedesco i tre piloti scesi in pista hanno mostrato i muscoli.

Non si tratta solamente del debutto (che per regolamento permette ai nuovi costruttori di sperimentare più particolari per trovare competitività rapidamente) quanto piuttosto di una vera e propria filosofia sportiva. Le “lattine volanti” color arancio e blu marchiate KTM cominciano a risalire la classifica sia in gara che in qualifica. E come accade sovente, quando le condizioni meteo sconvolgono i piani dei team, chi ha meno da perdere può tentare il colpaccio.

mercoledì 5 luglio 2017

SUZUKI PRESENTA LA NUOVA RM-Z 450 WS DA CROSS

Anima sportiva e rinnovamenti tecnici sotto la pelle. A presentarla al mondo è stato il Suzuki World MXGP Team di Kevin Strijbos e Arminas Jasikonis.

Il salto evidentemente è grande dato che la RM-Z non è stata modificata radicalmente dal 2008 quando è stata introdotta l'iniezione elettronica. Nel 2015 è stato aggiunto l’Holeshot Assist Control (S-HAC). Nel frattempo solo aggiornamenti per telaio e del motore…fino a oggi. Perché nelle intenzioni di Suzuki il Model Year 2018 vuole rappresentare un cambiamento completo che mira a fornire un livello ancora superiore di prestazioni.

MOTOGP SACHSENRING: GERMANIA INDIGESTA PER DUCATI

Andrea ottavo e Jorge undicesimo. Voci d’acquisizione da parte di Harley-Davidson e importanti aggiornamenti aerodinamici per il prossimo GPdi Brno. L’estate di Ducati sarà rovente!

Sembra un segno del destino (o forse una beffa) il risultato sportivo del team ufficiale Ducati in Germania perché nonostante i proprietari del marchio italiano siano tedeschi Dovizioso ha sbagliato la scelta degli pneumatici e ha chiuso ottavo mentre il compagno di squadra Lorenzo ha fatto il gambero e, dopo un buon avvio, è scivolato fuori dalla top ten passando sotto la bandiera a scacchi in undicesima posizione.

lunedì 3 luglio 2017

DALL’AMERICA CON FURORE

Nuovo modello della MV Agusta basato sulla Brutale 800 erede della mitica America 750 S originale del 1975 da cui trae ispirazione.

America 1975:  MV  Agusta  presenta  la  S  America  750,  quattro  cilindri  in  linea  con  doppio  albero  a  camme  in  testa. Rossa, cilindrata  di  787,7cc,  raffreddamento  ad  aria  e  alimentazione  a  carburatori.  Settantacinque cavalli di tecnologia italiana, costruita sulla base della splendida 750 S del 1973. Molti anni più tardi - era l’inizio degli anni Duemila  - il nome America torna accanto  a quello  MV Agusta. E arriva la Brutale America. Anche questa volta è una quattro cilindri in linea, ha le forme della nuda più bella di sempre e naturalmente i colori degli Stati Uniti: blu, bianco e rosso.

MOTOGP SACHSENRING: FOLGER CHI?

Valentino benedice il nuovo telaio altrimenti sarebbe andata molto peggio, Vinales ringrazia la strategia attendista e chiude quarto e Poncharal ringrazia Folger finito sul podio.  

Sono parecchi gli spunti emersi dopo il Gran Premio di Germania per quanto riguarda i team Yamaha ufficiali e clienti. Da un lato Vinales e Rossi chiudono rispettivamente quarto e quinto su una pista indigesta per la quattro cilindri Iwata (e per il “dottore”) arginando la fuga (in gara e in campionato) di Marquez. Dall’altro lato i piloti del team Tech3 chiudono nella top ten con Zarco nono e Folger (sulla pista di casa) secondo dopo una strepitosa rincora e un altrettanto incredibile lotta con il vincitore Marquez.

MOTOGP GERMANIA: MARQUEZ DOMINA SULLA SUA PISTA PREFERITA

Gara perfetta per lo spagnolo che porta a casa pole position e vittoria (dedicata ad Hayden) su una pista che piace a lui e alla sua Honda.

Poche storie: il mondiale 2017 sarà vissuto fino all’ultima gara con il fiato sospeso. Perché se non fosse ancora chiaro, ogni corsa fa storia a se e con una classifica iridata davvero corta (se non addirittura compressa) la leadership può cambiare a ogni week end esattamente come è successo nelle ultime tre prove del motomondiale dove Vinale ha ceduto il primo posto a Dovizioso che lo ha a sua volta passato a Marquez.

VOGLIA DI VIAGGIARE? TORNA LA PROMOZIONE KTM TRADE IN!

Fino al  31  luglio  2017  KTM riconoscerà  ben  2.000 Euro  di  supervalutazione dell'usato  a  fronte dell'acquisto  di  una  KTM 1290 SUPER DUKE GT .

Non  c’è  nulla  di  più divertente  e  appagante che  viaggiare  comodi  e veloci  a  bordo  di  una  moto performante  e tecnologicamente  al  top come  la  KTM  1290 SUPER DUKE GT. La  Sport  Tourer  prodotta  a Mattighofen  racchiude  in sé  quanto  di  meglio  si possa  desiderare  oggi  da una  moto  sportiva  e  offre un  ricco  pacchetto  di dotazioni  elettroniche  che la  pongono  sul  gradino  più alto del segmento.