martedì 17 ottobre 2017

GP del Giappone: Il risveglio della Suzuki

Nuova aerodinamica e un buon setting fin dalle qualifiche hanno permesso alla Suzuki e ai suoi piloti di chiudere nella top five.

Finalmente si riesce a rivedere il potenziale della Suzuki che nel 2016 le ha permesso di entrare stabilmente nella top five. In parte la pioggia (e un setting perfetto, trovato fin dalle qualifiche) e in parte la nuova aerodinamica hanno contribuito a migliorare istantaneamente le prestazioni della GSX-RR e dei piloti del Team Suzuki Ecstar. Sia Iannone che Rins hanno dimostrato di essere in grado di gestire moto e pneumatici durante tutta la gara, risparmiando e spremendo l’una e gli altri a seconda delle necessità.

GP del Giappone: la crisi della Yamaha

Rossi cade e dice addio al titolo 2017 mentre Vinales chiude nono dietro a Zarcò.

Crisi vera per i piloti del team Movistar Yamaha MotoGp che sull’asfalto bagnato della pista di Motegi hanno avuto grosse difficoltà in sella alle M1 ufficiali, sofferenti con la gomma posteriore. Sia in qualifica che in gara il migliore yamahaista è stato il “privato” Zarcò, poleman al sabato e ottavo sotto la bandiera a scacchi con la M1 del team francese Monster Yamaha Tech3. Tutto ciò la dice lunga sui problemi sia di Rossi (che con sole tre gare dal termine è matematicamente tagliato fuori dalla corsa per il titolo e che, di fatto, può solo tentare di migliorare l’attuale quinto posto in classifica) che di Vinales (terzo in campionato a 41 punti da Marquez).

lunedì 16 ottobre 2017

GP del Giappone: bene Aprilia ma ora serve la vittoria

Piloti entrambi a punti ma a questo punto serve un altro step e puntare alla vittoria di un Gran Premio.

Potremmo definirlo “lo strano caso dell’Aprilia”. Perché se da un lato le performance di Espargarò e Lowes confermano i costanti miglioramenti del progetto RS-GP, dall’altro lato sembra che le posizioni a cui possono anelare i piloti siano plafonate intorno al quinto/settimo posto in gara. Quindi bene ma non benissimo perché a questo punto i valori in campo sono molto chiari e la MotoGP è la massima espressione della tecnologia motoristica su due ruote e serve un ulteriore step per puntare a vincere un Gran Premio e, per la stagione 2018, la costanza nella top five se non addirittura sul podio.

GP del Giappone: Marquez a podio, da spettacolo con Dovizioso

Splendida battaglia tra lo spagnolo e l’italiano sul circuito di Motegi in casa Honda. In Moto3 Vittoria di Fenati.

Bisogna capire se gli uomini Honda vedono il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Perché se da un lato Marquez ha chiuso secondo in volata e ha mantenuto la testa della classifica mondiale 8oltre ad aver conquistato il centesimo podio in carriera), dall’altro lato la Ducati ha vinto sul circuito di casa del costruttore nipponico, quello dove l’HRC e il Repsol Honda Team porta avanti lo sviluppo della RCV213V e della sua erede.

LS2 Helmets presenta il nuovo Road Tourer Rapid FF535

Design essenziale, comfort assoluto, protezione elevata e look di tendenza per il nuovo integrale LS2, anteprima della collezione 2018.


LS2 Helmets presenta la prima novità della collezione 2018: RAPID FF353. Il nuovo casco integrale, che entra di diritto nella categoria Road Touring, rappresenta il prefetto compromesso tra un design essenziale e un livello di protezione elevato, ma sempre e comunque interprete dello stile LS2e con un rapporto qualità-prezzo davvero invidiabile. RAPID FF353 è il casco perfetto per l’uso quotidiano in sella a una moto o ad un maxi-scooter in città, ed è in grado di offrire massimo comfort e una protezione ottimale anche in occasione di viaggi in fuoriporta su percorsi di medio e lungo raggio.

GP del Giappone: Dovisan vince in casa Honda

Dovizioso strappa (nuovamente) la vittoria a Marquez all’ultima curva e accorcia le distanze in campionato.

Un Dovizioso così sicuro delle proprie capacità e del proprio mezzo lo abbiamo visto molto raramente negli ultimi anni, e con cinque vittorie in campionato il 2017 si sta rivelando la sua migliore stagione nella classe regina.

giovedì 12 ottobre 2017

MV Agusta F4 RC M.Y.2018

Presentato il M.Y. 2018 della F4 RC, il modello derivato dall’esperienza in SBK e che sarà prodotto in serie limitata.

Il fascino e l’emozione del Campionato Mondiale Superbike sono racchiusi nelle forme eleganti e allo stesso tempo estreme della MV Agusta F4 RC. Assemblata pezzo per pezzo, con la stessa cura riservata alla F4 Reparto Corse di Leon Camier. Prodotta in serie limitata, come si conviene a un oggetto realmente esclusivo. F4 RC è l’emblema dello spirito racing che la Casa varesina porta in pista al massimo livello con Leon Camier.

Rubrica a ruota libera: la Superbike ai tempi di Rea

Johnny cannibale e Superbike in crisi di spettacolo sono i punti di partenza di una riflessione sul futuro della categoria.
Come lui nessuno mai. Perché che l’inglese fosse un pilota forte (molto forte) lo si era capito già parecchio tempo fa quando guidava (e vinceva) in sella a una Honda non proprio in splendida forma. Ma che potesse conquistare ben tre titoli mondiali consecutivi (e verosimilmente possiamo supporre che non abbia alcuna intenzione di fermarsi qui) nessuno lo avrebbe potuto pronosticare.

mercoledì 11 ottobre 2017

Husqvarna e Quintanila campioni 2017

Pablo Quintanilla campione del mondo FIM Cross Country Rally 2017 con l'Husqvarna FR450 Rally

Il Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing e il suo pilota Pablo Quintanilla hanno vinto il Campionato Mondiale Cross Country Rally 2017 in Marocco riconfermando e difendendo il titolo del 2016 conquistato con l’FR 450. Con una solida performance tra le dune del Marocco, Pablo ha registrato il quarto miglior tempo nella prova speciale prima d’affrontare i 163 km e concludere con il sesto miglior tempo nella speciale finale.

Kawasaki sorprenderà tutti a Eicma!

La famiglia delle Supercharged si allarga e a Eicma Kawasaki presenterà una novità…conTURBante

 

Fino ad oggi la storia delle Kawasaki sovralimentate era incentrata principalmente sulle performance pure e sulle elevate prestazioni. Il nuovo teaser rivela invece una grande novità della casa di Akashi. Il 7 Novembre 2017 in occasione di EICMA, Kawasaki svelerà in anteprima mondiale una nuova moto dotata della tecnologia Balanced Supercharger in grado di offrire un’erogazione ancora più poderosa ai bassi e medi regimi. Pur mantenendo inalterate le forti emozioni derivanti dall’utilizzo del compressore, questo motore riesce a riunire le incredibili prestazioni a un deciso miglioramento nell'efficienza dei consumi e ad un feeling di guida caratteristico del segmento Sport Tourer.

martedì 10 ottobre 2017

Bonneville Speedmaster

La nuova icona tra le custom classiche inglesi

La nuova Bonneville Speedmaster riprende lo stile autentico delle custom Triumph, tutto il DNA della famiglia Bonneville e lo stile unico della Bobber aggiungendo un tocco di praticità e versatilità in più. Infatti il nuovo modello porta la Bonneville in una nuova dimensione con uno stile classico e rilassato tipico delle moto inglesi con finiture ancora più pregiate.

Kawasaki ZX-10RR M.Y. 2018

Presentata la nuova Ninja ZX-10RR che sfrutta tutta l’esperienza accumulata nella Superbike.

E’ stata ufficialmente presenta la nuova Ninja ZX-10RR M.Y. 2018, basata sul know how accumulato con il modello vincitore nel 2017 del titolo piloti e costruttori della Superbike guidata dai piloti del KRT (Kawasaki Racing Team) Jonathan Rea e Tom Sykes.

lunedì 9 ottobre 2017

Honda elettrica che rimane in piedi da sola

Honda getta uno sguardo sul futuro della mobilità su due ruote presentando un concept elettrico che rimane in equilibrio da sola.

Il futuro della mobilità su due ruote è elettrico, ma non solo. L’idea di Honda è quella secondo cui, un giorno, le motociclette non cadranno mai più a terra grazie a espedienti ingegneristici (neppure troppo futuristiche) che permetteranno al mezzo di rimanere in equilibrio autonomamente.

Nuova Bonneville Bobber

Presentata la Bonneville Bobber Black, più dark, più aggressiva, più potente.

Dopo il grande successo della Bonneville Bobber, la motocicletta che ha fatto registrare le vendite più rapide nei 115 anni di storia Triumph, il costruttore inglese ha deciso di lanciare un nuovo modello per il 2018, con uno stile ancora più dark, aggressivo e potente: la Bonneville Bobber Black.

domenica 8 ottobre 2017

Tacita T-Cruise: la terza via elettrica

Presentata la nuova T-Cruise di Tacita, la moto passionale, emozionante, rispettosa dell’ambiente e totalmente elettrica.

Che l’elettrico sia il futuro della mobilità è un dato di fatto. Che abbia anche dei limiti intrinseci alla capacità di accumulare energia nelle batterie (e aumentare l’autonomia) è altrettanto acclarato. Ma ciò che spiazzava, almeno fino a oggi, era l’assenza di una motocicletta totalmente elettrica che facesse del turismo la sua priorità. Perché la verità è che i motori elettrici sono stati montati su moto stradali chiaramente sportiveggianti (nel motomondiale si sta anche studiando una categoria a se stante seguendo l’esempio di quanto fatto con la Formula E) e su mezzi da fuoristrada limitando di fatto l’utilizzo giornaliero di questi mezzi.

Visitare la fabbrica Triumph

Triumph apre ai propri fan l’esperienza di visitare la fabbrica attraverso dei tour organizzati.

Il nuovo Triumph factory experience offre un viaggio che racconta la storia del marchio e mostra i risultati storici e moderni di Triumph nella progettazione, nell'ingegneria, nella corsa e nella cultura popolare. I fan del marchio osserveranno come Triumph progetta e costruisce le proprie motociclette, e potranno vedere la collezione più iconica e rara nel mondo dedicata al marchio in cui sono presenti (tra le altre):

giovedì 5 ottobre 2017

I primi 25 anni della Fireblade

Nel 2017 si festeggiano i 25 anni dalla presentazione della Fireblade. Ripercorriamo assieme l’evoluzione della supersportiva della Honda.

Nella sua lunga storia la Fireblade si è scontrata con le migliori supersportive presenti nei listini di tutto il mondo a partire dalle italianissime Ducati (916, 996, 998, 999 e Panigale) e MV Agusta F4, la tedesca BMW S1000RR e le “sorelle” giapponesi Yamaha serie YZF, Kawasaki Ninja e Suzuki GSX-R. A differenza delle concorrenti la Fireblade, pur rimanendo un prodotto nato per regalare prestazioni elevate in strada e in pista, è sempre risultata più “friendly” rispetto alle altre supersportive.

Biglietto per l’Inferno

Una Triumph Tiger dura e pura preparata per l’infernale Panafrica Rally.

Dal 23 al 30 Settembre si è svolta la massacrante Panafrica Rally, manifestazione sportiva lunga oltre 1.300 chilometri divisa in un prologo e cinque tappe (di cui una marathon). Il formato di quest’anno è stato pensato per far confluire sul terreno tutti i partecipanti in modo tale che novellini, amatori e piloti d’élite (ha partecipato anche il campione della Supebike Carlos Checa) si mescolassero sulla pista.

mercoledì 4 ottobre 2017

SBK GP di Francia: BMW nella top ten in gara due

Il meteo mette in difficoltà i piloti che sabato si perdono sulla pista bagnata ma domenica conquistano la top ten.

Ci si dimentica forse troppo spesso che l’Althea BMW Racing Team è una squadra private che sviluppa personalmente le S1000 RR, testa gli pneumatici Pirelli e compete contro moto e team ufficiali. Per questo motivo i risultati ottenuti sul circuito francese hanno ancora più importanza. Le prestazioni modeste di gara uno sono figlie di qualifiche affrontate sotto l’acqua che non hanno permesso a piloti e mezzi di esprimersi al meglio. Partiti diciannoveismo e ventesimo sia De Rosa che Torres hanno mostrato di voler migliorare le proprie posizioni partendo bene e rimontando su alcuni piloti.

SBK GP di Francia: MV Agusta cresce insieme a Camier

Camier ed MV Agusta ancora vicini al podio che sfugge per vari motivi anche in Francia.

Il costruttore italiano cresce e anche velocemente. Nelle ultime gare in Superbike il team MV Agusta Reparto Corse ha mostrato i grandi passi avanti fatti per avvicinare i piloti e le moto di testa e Leon Camier sa come guidare la sempre più performante 1000 F4 e portarla in alto. A questo punto manca il podio che in gara uno è sfuggito probabilmente per i problemi di setting avuti durante la superpole e che come risultato hanno relegato Camier e l’F4 in ottava posizione sulla griglia di partenza.

martedì 3 ottobre 2017

Suzuki al salone di Tokio con due anteprime mondiali

Suzuki presenterà al Tokyo Motor Show 2017 la nuove SV650X e l’inedito scooter a ruote basse Swish.

Suzuki sarà una grande protagonista della 45ma edizione del Tokyo Motor Show. Lo spazio espositivo sarà suddiviso in diverse aree tematiche, che avranno come filo conduttore il tema “EXCITEMENT for Everyone, in Everywhere”. Suzuki ha, infatti, da sempre progettato e sviluppato motocicli pensati per emozionare; mezzi iconici e funzionali che accompagnino i Clienti nelle avventure quotidiane in pieno stile e puro divertimento.

SBK GP Francia: Gigliano ottavo con la Honda

Buona prestazione dell’italiano in gara uno sulla Honda, ma le condizioni meteo della domenica annullano i progressi del team.

Situazione difficile per il Red Bull Honda World Superbike Team che dall’inizio dellanno ha visto alternarsi in sella alla CBR 1000 RR Fireblade SP2 ben cinque piloti. Dopo la perdita di Hayden e l’incidente di Bradl, sul sellino della quattro cilindri giapponese si sono alternati il giapponese Takahashi, l’italiano Giugliano e l’americano Gagne. Il risultato è una moto che risente del mancato sviluppo (almeno per la stagione in corso) e risultati al di sotto delle aspettative d’inizio anno.

lunedì 2 ottobre 2017

SBK GP di Francia: Ducati luci e ombre

Melandri secondo in gara uno e Davies vittorioso in gara due; ma ci sono anche delle ombre.

Archiviato il titolo piloti, per Davies è iniziato il “mundialito” ovvero la conquista del secondo posto che al momento è occupato da Sykes che può vantare nove punti di vantaggio. Tutto il team Aruba.it Racing – Ducati si è concentrato su quest’obiettivo e apparentemente il round francese sembra essersi concluso a vantaggio del pilota di Borgo Panigale che ha portato a casa la vittoria in gara due.

SBK GP Francia: Splendidi podi in SBK e SSP per Yamaha

Doppio podio in gara due in SBK e vittoria in SSP; Yamaha festeggia un week end ricco di soddisfazioni per i team ufficiali.

Nella massima categoria delle derivate di serie il Pata Yamaha Official WorldSBK Team festeggia i piloti nella top ten in gara uno e il doppio podio in gara due. Nella Supersport 600 Mahias del GRT Yamaha Official WorldSSP Team riagguanta la leadership del campionato e si propone come probabile campione del mondo della categoria dopo che l’incidente nelle qualifiche ha obbligato Sofuoglu a chiudere anzitempo la sua stagione.

Yamaha presenta le XSR700 e XSR900 M.Y. 2018

Le Faster Sons, per il 2018, saranno disponibili anche in inedite colorazioni che rendono omaggio ai carismatici modelli XS degli anni ’60.

Ispirati ad alcuni dei modelli più memorabili ed iconici del passato, i mezzi della gamma Sport Heritage di Yamaha continuano a riscuotere un successo straordinario presso tutti coloro che apprezzano la loro formula unica, una vera e propria miscela tra lo stile senza tempo ed il carattere speciale conferite dalle tecnologie sofisticate per motore e ciclistica.

Superbike GP di Francia: Rea campione del mondo (sfortunato)

Terzo titolo consecutivo per il campione inglese e per il team KRT, ma in gara due Rea si ritira dopo un contatto.

L’unica domanda lecita in questo momento è chi fermerà il campione britannico della Kawasaki. Perché per come stanno andando le cose, è evidente che Rea è destinato a infrangere tutti i record della categoria. E’ il primo campione a conquistare tre titoli consecutivi (’15, ’16 e ’17) di cui il primo al debutto con il nuovo team, e se la sfortuna volgerà lo sguardo altrove potrebbe anche essere il pilota con più punti in una singola stagione (al momento il migliore è stato Colin Edwards nel 2002 in sella alla Honda VTR 1000 SP2 con 552 punti contro i 456 dell’inglese che però deve ancora disputare quattro gare in cui saranno assegnati ben 100 punti). Senza dimenticare che in gara uno ha tagliato il traguardo delle 50 vittorie in carriera diventando il terzo pilota più vittorioso di sempre alle spalle di Bayliss (59) e Fogarty (52).

giovedì 28 settembre 2017

MV Agusta F4 LH44

MV Agusta e Lewis Hamilton di nuovo insieme per una F4 in edizione speciale.

Lewis Hamilton e MV Agusta: un binomio che, dopo la Dragster RR LH, trova nella nuova F4 LH44 una inedita ed eccitante declinazione. La F4 LH44 è sviluppata sulla base della F4 RC, moto derivata direttamente dalla Superbike del Reparto Corse MV Agusta, massimo livello di sviluppo della quattro cilindri italiana: dispone, pertanto, del motore Corsa Corta (alesaggio 79mm - corsa 50,9mm) con catena di distribuzione centrale e valvole radiali, che in questa versione raggiunge la potenza massima di 205cv (151kW).

Il segreto di Rossi

Brembo e Rossi hanno studiato una leva a pollice per il freno posteriore a causa dell’infortunio dell’italiano.

Sul sito della Brembo emerge un retroscena interessante relativo all’impianto frenante della M1 del pilota italiano, modificato a causa dell’infortunio. Sembra infatti che per compensare la minore funzionalità della gamba, Rossi ha usato la così detta pompa/pollice per azionare il freno posteriore. E così dopo soli 23 giorni dall’incidente, Valentino ha aggiunto un altro capitolo alla sua leggenda conquistando il terzo posto sulla griglia di partenza del Gran Premio d’Aragon, concluso in quinta posizione.

mercoledì 27 settembre 2017

Test positivi per il propulsore Triumph della Moto2

Triumph continua lo sviluppo del propulsore per la Moto2 con dei test in pista ad Aragon assieme a Julian Simon.

La scorsa settimana è stato fatto un altro step evolutivo importante sulla pista Ciudad del Motor de Aragón per quanto riguarda il programma di sviluppo del motore Triumph che a partire dal 2019 equipaggerà tutte le Moto2. Infatti dopo il lavoro in fabbrica dove sono stati effettuati tutti i test programmati, il propulsore è stato montato su un telaio Triumph ed è sceso in pista con Julian Simon, campione del mondo 125cc e pilota di Moto2.

MotoGP Aragon: Iannone e la Suzuki a punti

Andrea ritorna a lottare e conquista punti, Rins fatica a trovare il feeling e la Suzuki è già proiettata al gran finale di stagione.

Per Suzuki e i suoi piloti la gara spagnola non è andata bene, ma il bilancio deve essere visto in modo positivo perché Iannone torna finalmente a lottare per dei punti mondiali e a migliorarsi turno dopo turno, segno che il lavoro sulla GSX-RR comincia a dare risultati. Chi invece non ha avuto modo di confermare i progressi fin qui fatti e stato Rins che ha pagato più dell’italiano la perdita di alcune sessioni libere a causa del meteo.

martedì 26 settembre 2017

MotoGP Aragon: Espargarò sesto fa sognare con l’Aprilia

Lo spagnolo supera Dovizioso e spinge l’Aprilia a ridosso delle Yamaha ufficiali; l’RS-GP è pronta per lottare per il podio.

La vera sorpresa del week end spagnolo è stata la magnifica prestazione di Espargarò in sella all’Aprilia RS-Gp che conferma gli enormi progressi e il modo di lavorare ai box dell’intero team. Perché se da un lato molte squadre sono rimaste spiazzate dalla limitatezza dei giorni di prove libere dovute al meteo, l’Aprilia e il team Gresini hanno reagito probabilmente meglio degli altri (e l’ottimo risultato in gara lo conferma) dimostrando sul campo il valore di un gruppo che progredisce costantemente.

Ducati e Bosch una partnership lunga dieci anni

Dieci anni di partnership: i team Ducati MotoGP e Aruba.it Racing si affidano agli elettroutensili Bosch Professional.

Da 10 anni gli utensili Bosch Professional sono al fianco dei Team Ducati MotoGP e Aruba.it Racing - Ducati nei box sui campi di gara. Gli utensili a batteria Bosch Professional rappresentano infatti un punto di riferimento per i meccanici Ducati, che fin dall'inizio di questa collaborazione hanno avuto modo di apprezzarne caratteristiche tecniche, innovazione e affidabilità, e utilizzano oggi diversi modelli della gamma: dai trapani-avvitatori, agli avvitatori a massa battente, alle lampade a batteria.

MotoGP Aragon: Valentino stoico ma non basta

Vinales quarto e Rossi quinto se le suonano di santa ragione in pista ma perdono punti in campionato.

Nel bene e nel male la Yamaha al momento è Rossicentrica perché dopo la caduta in allenamento del 30 agosto e l’incredibile recupero che gli ha permesso di correre ad Aragon, si parla più dell’italiano (giunto quinto) che non di Vinales quarto in gara e terzo in campionato a 28 punti dal capoclassifica. E ciò accade perché se dei due Rossi era il pilota che con una gamba malmessa non poteva oggettivamente vincere, Vinales doveva puntare alla vittoria come unico risultato plausibile sia perché era il poleman e sia perché era necessario ridurre il gap in classifica da Marquez e Dovizioso.

MotoGP Aragon: Ducati felice a metà

Lorenzo terzo dimostra grandi progressi mentre Dovizioso chiude settimo in difficoltà con le gomme.

Il mondiale non è finito, anzi è aperto e incerto perché in questo finale di stagione (quattro gare di cui tre in successione) la discriminante saranno gli outsider. Lorenzo, ad esempio, domenica ad Aragon è stato in testa per due terzi di gara mostrando enormi progressi nella guida della GP17 e nella gestione delle gomme. Pedrosa ha fatto qualcosa di simile ma risparmiandosi all’inizio per poi rimontare nel finale. In mezzo Marquez e Dovizioso, giunti ad Aragon a pari punti e usciti dalla pista spagnola distanziati di 16 lunghezze a favore dello spagnolo.

lunedì 25 settembre 2017

Flat Track con salsa Wasabi

Svelata la Kawasaki Z650 Flat Track realizzata da MRS Oficina sulla base della bicilindrica Z650.


MRS Oficina dopo aver stupito il pubblico con la realizzazione di una Cafè Racer su base Vulcan S, è pronta a svelare la sua nuova creazione realizzata in collaborazione con la filiale francese di Kawasaki: la Kawasaki Z650 MRS Flat Track. Antoine Coulon, Kawasaki Francia: “Il primo progetto in collaborazione con MRS è stato un vero successo e non abbiamo avuto dubbi nel collaborare su un altro interessante progetto.”

MotoGP Aragon: doppietta Honda

Marquez vince e vola in testa al mondiale; Pedrosa conserva le gomme e rimonta fino al secondo posto.

Sebbene il meteo abbia praticamente dimezzato le prove libere per definire assetti e gomme per la gara, la Honda è riuscita a piazzare sia Marquez che Pedrosa sui due gradini più alti del podio con strategie e mescole degli pneumatici differenti. Se da un lato, infatti, Marquez ha puntato sulla sicurezza della gomma dura garantendosi una costanza di prestazione che gli ha regalato la trentaquattresima vittoria nella classe regina, Pedrosa ha sfruttato una mescola più morbida gestita nella prima parte di gara in modo conservativo e “consumata” nella seconda metà per rimontare sul gruppo di testa e tagliare il traguardo dietro al compagno di squadra.

giovedì 21 settembre 2017

La nuova Kawasaki Z900 sarà disponibile anche nella versione da 70Kw

La Z900 sarà disponibile (entro la fine del 2017) anche in versione 70Kw dedicata ai possessori di patente A2.

In questo 2017 la nuovissima Z900 ha raccolto pareri molto positivi su tutti i fronti e conquistato migliaia di riders in tutta Europa. A grande richiesta, in particolar modo dei tantissimi neo-patentati appassionati del marchio di Akashi, la Z900 sarà disponibile (entro la fine del 2017) anche in versione 70Kw conforme alle direttive delle patente A2. Sia i dealer che i potenziali clienti avevano avanzato la medesima richiesta ovvero quella di non creare una moto differente dalla Z900 ma di mantenere l’aspetto unico e la personalità distintiva della sorella “maggiore”.

Pronti per la Benelli 302R?

Benelli presenta la nuova 302R, sportiva stradale bicilindrica di 300cc pensata per i giovani centauri.

Benelli 302R è una full-fairing travolgente ed emozionante, pensata per i giovani piloti. Si tratta di una moto sportiva e coinvolgente, evoluzione della piccola naked 300 della Casa di Pesaro, concepita per il massimo divertimento su strada. Un  bicilindrico parallelo, quattro tempi,  con distribuzione a doppio asse  a camme in testa e quattro valvole  è il cuore di questa nuova 300cc, che offre una potenza di 38Cv  (28kW)  a  10.000  giri/min  e  una  coppia  di  27,4Nm  (2,8  kgm)  a  9.000  giri. 

SBK GP Portogallo: MV Agusta dalle stelle alle stalle.

Motore out in qualifica e quarto posto in gara uno. Domenica Camier parte in pole ma il motore lo tradisce e dice addio a un buon risultato.


La verità è che Camier e la sua F4RR ci hanno fatto sognare come nelle migliori favole. Durante le qualifiche il quattro cilindri varesino tradisce l’inglese quando era in piena lotta per una buona posizione in griglia. Non avendo fatto segnare alcun giro cronometrato Camier parte dall’undicesimo posto in gara uno e inizia una rimonta furibonda che lo porta a un passo dal podio. Concluderà, infatti, in quarta posizione a soli tre decimi dal podio, incalzando Melandri e la sua Ducati.

SBK GP Portogallo: Week end nero per Honda

Bradl infortunato non corre, Takahaschi fa del suo meglio e lo storico capo meccanico Breddels lascia il team Ten Kate dopo tredici anni.

Non può dirsi per nulla soddisfacente la trasferta portoghese del team Ten Kate e della Honda. Il week end è iniziato nel peggiore dei modi con l’addio dello storico capo meccanico e responsabile tecnico Pieter Breddels, sostituito da Bastiaan Huisjes,  per i poco brillanti risultati della CBR in questa stagione. A seguire Bradl è scivolato in gara uno al terzo giro quando era ottavo; la caduta ha provocato problemi al polso che gli hanno impedito di correre in gara due.

martedì 19 settembre 2017

SBK GP Portogallo: ottime performance per Torres e BMW

Il team Althea porta a casa buoni piazzamenti con Torres; meno fortunato De Rosa undicesimo al sabato e ritirato la domenica.

Le buone prestazioni e i relativi piazzamenti di Torres in gara uno e due sulla pista di Portimao ripagano in parte del gran lavoro svolto da tutto il team Althea per affidare al pilota spagnolo una BMW S1000RR competitiva in ogni frangente. Al momento il punto debole di Jordi è la partenza che lo costringe a rimonte dalle posizioni di rincalzo.

SBK GP Portogallo: Yamaha a podio con Van der Mark

L’olandese a podio grazie a un pizzico di fortuna; l’inglese è veloce ma sbaglia spesso. Nella 600 Mahias perde la testa della classifica.

Alti e bassi sulla pista portoghese per il team Pata Yamaha. Van der Mark ha chiuso quinto in gara uno e terzo in gara due. Lowes continua a essere veloce e tenace ma sbaglia troppo spesso vanificando di fatto le proprie performance chiudendo diciottesimo nella prima manche dopo un errore e ritirandosi nella seconda per uno spaventoso high side. Inoltre nel caso dell’inglese la delusione è doppia perché guardando i tempi e il  passo gara (soprattutto al sabato) era evidente che poteva giocarsi il podio.

lunedì 18 settembre 2017

WMX GP di Francia: Kiara mondiale!

La giovane parmense vince il suo quinto alloro nel motocross femminile ed entra nella storia.

Dopo la pausa di un anno in Honda, Kiara (al secolo Chiara con la “C”, classe 1994 di Parma) a 23 anni entra nella storia del mondiale femminile Motocross centrando al rientro in sella alla “sua” Yamaha il quinto titolo dopo quelli consecutivi del 2012, 2013, 2014 e 2015. La stagione 2017 è stata incerta fino alla fine con Kiara nelle vesti dell’inseguitrice e che si gioca tutto all’ultimo appuntamento.

SBK GP Portogallo: Ducati a podio anche a Portimao

Ducati piazza piloti sul podio in entrambe le manche, ma l’eroe del team Aruba è Melandri che doma una Panigale bizzosa in rettilineo.

E’ stato impressionante vedere Melandri in pieno rettilineo, con il gas aperto al massimo e a una velocità superiore ai 270 chilometri orari, domare il posteriore della sua Panigale che si muoveva come una biscia bizzosa. Ciò detto i ducatisti sono stati i primi degli..altri, dal momento che ne Davies ne Melandri hanno mai realmente impensierito Rea che praticamente in solitaria ha vinto entrambe le manche seguito da Chaz (secondo in gara uno ma ritirato in gara due) e Marco (terzo in entrambe le manche).

Il potere dei sogni

Sulla scorta di quanto fatto da Yamaha con il programma Yard Built, Honda si avvicina al mondo dei customizer. Ma con una sorpresa!

Il concetto è tanto semplice quanto efficace: fornire ai customizer più interessanti sparsi nei quattro angoli del mondo i propri modelli e invitarli a sperimentare e a proporre special uniche. L’ha fatto Yamaha, ha seguito a ruota BMW e ora anche Honda si converte a questo tipo di programma pubblicitario e ispiratore. Ma con una differenza sostanziale.

SBK GP Portogallo: Kawasaki Dominio assoluto

La casa di Akashi vince in SSP300 con la Carrasco, in SSP600 con Sofuoglu e in SBK con Rea, e lascia agli avversari solo le briciole.

Sul circuito portoghese i piloti Kawasaki hanno letteralmente dominato tutte le classi mondiali dei campionati dedicati alle derivate di serie. A tre gare (e sei manche) dalla fine, Rea ha vinto sia gara uno che gara due (con buona pace dell’inversione della griglia e degli avversari) mettendo una seria ipoteca sul titolo piloti 2017 (che per il britannico sarebbe il terzo consecutivo).

giovedì 14 settembre 2017

LA BMW CHE VENIVA DAL FUTURO

Sulla base di una BMW RS è stata creata una special dall’aspetto futuristico (e sportivo) unico!

Fin dagli anni ’30 la BMW è stata pioniera nello studio dei flussi dell’aria per migliorare le performance dei propri modelli. In quegli anni le carenature venivano sviluppate per migliorare le performance velocistiche dei prototipi da record. Più avanti nel tempo le stesse tecnologie furono applicate per aumentare il comfort e la sicurezza al punto che nel ’76 venne presentata la prima motocicletta al mondo dotata di serie di carenatura integrale: l’R100RS. L’aspetto futuristico, l’elevata protezione dalle turbolenze e la stabilità creata dagli spoiler aerodinamici integrati nella carenatura, facevano della RS una motocicletta futuristica.

Terribilmente bella

Una vecchia Benelli a quattro cilindri rivive in una special con look da endurance anni ’80 e componentistica moderna.

Lo chiamano resto-mode ovvero la tecnica di amalgamare look retrò con meccaniche aggiornate (o prelevate da modelli recenti) mantenendo inalterato lo spirito originario del mezzo che è ben altra cosa rispetto al neo retrò che, invece, sfrutta linee classiche per proporre modelli nuovi. E a prescindere dall’idea personale che ognuno di noi ha circa questa pratica customizzatrice, non si può non rimanere piacevolmente colpiti dal lavoro fatto da Plan B Motorcycles sulla base di una Benelli 354, su cui hanno miscelato il resto-mode e lo spirito racer creando una nuova corrente di pensiero ed azione, il resto-racer, ispirandosi alla Ferrari 512M.

mercoledì 13 settembre 2017

MotoGP San Marino: Doppia scivolata ma Aprilia c’è!

Trasferta sfortunata per l’Aprilia con il doppio ritiro dei piloti in piena rimonta.

Pur non avendo tagliato il traguardo con alcuno dei due piloti, il team Gresini e Aprilia devono essere positivi e guardare con fiducia sia alle ultime cinque gare che alla stagione 2018 perché le performance in pista sono sempre più convincenti. Sia Lowes che Espargaro si sono dovuti ritirare dopo altrettante scivolate mentre stavano costruendo due consistenti rimonte. Lo spagnolo è caduto al quattordicesimo giro mentre occupava la nona posizione dopo la buona partenza dalla terza fila (a riprova che anche in qualifica le RS-GP cominciano a essere costantemente nei primi dieci).

La tecnologia della MotoGP

Aprilia Racing progetta il box del futuro grazie alla realtà aumentata.

Portare la realtà aumentata nel box della più alta competizione motociclistica mondiale e sperimentare sul campo le applicazioni di un progetto tecnologicamente d’avanguardia ed estremamente ambizioso nell’ambito dell’Industria 4.0. E’ l’obiettivo che nasce dalla collaborazione tra Aprilia Racing (punta tecnologica e di sperimentazione del Gruppo Piaggio) e Realmore (nata nel 2009 come business unit di Equent Media Group). Caratterizzata dalla comune passione per l’innovazione e ricerca tecnologica, la partnership tra Aprilia Racing e Realmore nasce all’interno del progetto di Open Innovation di BacktoWork24 (primo sistema in Italia di investimento privato in piccole imprese) e Aprilia Racing, per favorire lo sviluppo e la visibilità delle startup e PMI innovative.

martedì 12 settembre 2017

MotoGP San Marino: Rins sale Iannone scende.

Ottima performance di Rins che sfrutta le condizioni meteo per agguantare l’ottavo posto. Iannone ritirato per problemi all’avambraccio.

Gara a eliminazione quella del Gran Premio di San Marino sulla pista di Misano. Il primo obiettivo di ogni pilota è stato quello di rimanere in sella e tagliare il traguardo; e in effetti Rins sembra aver tratto vantaggio dall’asfalto bagnato del circuito chiudendo ottavo (miglior risultato personale nella classe regina) e guadagnando punti preziosi per la classifica generale dove insidia a sei punti di distanza il compagno di team Iannone ritiratosi per problemi agli avambracci.