martedì 29 settembre 2015

HONDA

CB750 by REDMAX SPEEDSHOP
La prima sensazione è quella di trovarsi davanti all’erede della Norton Commando degli anni ’70. In realtà siamo al cospetto di…una Norton Commando degli anni ’70 con motore anabolizzato e un paio di cilindri in più. E poco importa se il preparatore (inglese…per rispettare la tradizione) si occupa prevalentemente di trasformazioni da flat track e scrambler piuttosto che da strada.
La storia è semplice. Mentre si attendeva una Kawa da “madmaxizzare”, arriva in officina una Honda CB 750 in verità messa maluccio. Passa il tempo e i progetti fino a quando si libera un banco da lavoro e la CB viene spogliata di tutto. Via parte del telaietto posteriore; via gli inutili (e pesanti) agganci al telaio degli accessori; via ogni sovrastruttura che non fosse ritenuta necessario. Alla fine rimane un telaio tagluzzato, due ruote con pneumatici duri come la pietra e un motore impolverato. E da quest’ultimo si riparte con una buona revisione generale e un kit di maggiorazione a 850 centimetri cubici (perché fendere l’aria protetti da una carena è bello, ma spalancare la manopola del gas e sentire la furiosa spinta nel sedere dei cavalli vapore è anche meglio!). Filtri aria con elementi più porosi e un nuovo scarico 4 in 1 telato e con terminale scelto tra decine e decine di proposte per appagare l’occhio, le prestazioni e l’udito. Il telaio è stato ridipinto con una tonalità di nero lucido (al pari del basamento del motore)che esalta i pochi particolari cromati e la carenatura. Per rispettare lo stile Norton, sotto la sella è stato montato un serbatoio dell’olio fatto su ordinazione e sagomato per accogliere anche la batteria (così da mantenere un disegno pulito). La forcella anteriore Yamaha è stata resa più rigida con una piastra antisvergolo Tarozzi; dietro una coppia di ammortizzatori Hagon hanno ristabilito il corretto bilanciamento alla ciclistica. Anche la posizione di guida è stata rivista profondamente grazie a due semi manubri molto più bassi dello sterzo originale, sella e pedane (in lega) più arretrate. I cerchi originali a raggi sono stati colorati di nero ed abbinati a pneumatici Pirelli; i dischi freno di serie hanno ricevuto nuove pinze (d’epoca) Brembo; uno strumento Koso fornisce tutte le indicazioni del caso. E infine il pezzo forte: le sovrastrutture. Se il serbatoio è un originale Norvil, il codino e la mezza carena sono degli autentici Norton! In sintesi il motore potenziato di un’affidabilissima Honda, il vestito di una succinta Norton e tanto ’70 style. Che volere di più?