lunedì 27 giugno 2016

INDIAN MOTORCYCLE CELEBRA IL SUO 115° ANNIVERSARIO

Sono trascorsi 115 anni da quando George Hendee e Oscar Hedstrom hanno iniziato a lavorare insieme per creare la Indian Motorcycle. Nel 1897 George Hendee era già un costruttore di motociclette chiamate ‘American Indian’, poi abbreviato in ‘Indian’.
Tre anni dopo, nel 1900, Oscar Hedstrom si unì all’azienda. Sia Hendee che Hedstrom erano ex ciclisti e decisero di costruire una bicicletta motorizzata da usare come bici da passista nelle gare. Un prototipo e due modelli definitivi furono costruiti nel 1901 e le prime Indian Motorcycle vennero vendute al pubblico nel 1902. Nel 1903, Oscar Hedstrom stabilì il record del Mondo di velocità a 90km/h e nel 1904 presentò la colorazione rossa, poi divenuta caratteristica per il Marchio Indian. Nel 1905 Indian costruì il suo primo motore bicilindrico a V dedicato alle corse, creando poi una versione stradale messa in commercio nel 1907. Nel 1923 le Indian si vendevano così bene che la Hendee Manufacturing Company cambiò il suo nome in Indian Motocycle Company. Curiosità: non c’era nessuna “r” nella parola motocycle quando accompagnata ad Indian ; verrà introdotta “r” nel marchio moderno. È stata un crescita continua che Polaris, la custode moderna di questo marchio, continua a sostenere dopo aver acquistato Indian nel 2011. Nei cinque anni in cui Polaris ha supervisionato Indian Motorcycle, i numeri dei modelli sono rapidamente cresciuti a nove, con le recenti aggiunte della Scout Sixty, della Springfield e della Chieftain Dark Horse. Sebbene sia un brand americano, molti motociclisti europei sono conquistati dall’appeal della Indian Motorcycle e oltre 6.000 motociclisti in Europa sono oggi orgogliosi di essere possessori di una Indian Motorcycle. Esiste anche una versione Europea dell’Indian Motorcycle Riders Group (IMRG) che sta rapidamente guadagnando popolarità e permette ai possessori di Indian di incontrarsi, condividere passioni e guidare insieme. Grant Bester, General Manager EMEA per Indian Motorcycle, è entusiasta di questo gruppo di proprietari di Indian Motorcycle ed ha dichiarato: “Far rivivere Indian Motorcycle è stato un grande successo per Polaris. Con i nuovi modelli come la Scout Sixty e la Springfield, riusciamo a soddisfare un’ampia fascia di clientela. Il futuro di Indian Motorcycle è molto promettente nel vecchio continente ed abbiamo molti progetti per aumentare la Brand Awareness e per espandere la famiglia di proprietari di Indian Motorcycle”. Il fascino di essere in sella ad una Indian oggi è lo stesso di 115 anni fa. Nel lontano 1915 i quotidiani americani titolavano “Non vorresti farne parte?”. Certamente queste parole sono applicabili anche al giorno d’oggi. “Una volta che possiedi una Indian, lo spirito della vita scorre nelle tue vene; l’euforia della potenza ti conquista, il mondo attende di essere esplorato, le gioie dei viaggi sono tue.”