lunedì 31 ottobre 2016

BELLA E POSSIBILE

HONDA XL500 “ZANDSLEE” by BIKE BUILDERS
Le moto più belle non sono per forza dei monocilindrici o delle plurifrazionate, delle ipersportive o delle custom, con sospensioni lunghe come le zampe delle gazzelle o corte e dure come marmo. No, le motociclette più belle sono quelle che ci fanno divertire, che ci portano lontano con il corpo e con la mente, che ci fanno esclamare “vorrei che la benzina non finisse mai per guidare in eterno questo mezzo”.
E la Honda XL 500 dell’81 ritratta in queste foto è indubbiamente una moto che sa di divertimento. Realizzata senza progetti di base ma con la sola idea di poterla sfruttare per andare al mare come in montagna, rendendo il percorso una giostra e non un rodeo, può essere definita un lavoro a quattro mani tra il suo proprietario e il preparatore BikeBuilders. Tutta la motocicletta appare più snella e leggera (ricorda parecchio una scrambler anni ’70). Gli accessori come le frecce e gli scarichi sono stati pensati per amalgamarsi, piuttosto che rovinare, la sottile silhouette; ogni particolare non necessario è stato eliminato per rendere la moto effettivamente più leggera (e conseguentemente godibile) nella guida. E infine, gli accessori modificati trasmettono una sensazione di sostanza e robustezza che su un mezzo pensato per andare ovunque, regala quell’impagabile sicurezza di poter completare il giro (breve o lungo che sia). Ciononostante gli interventi sono stati sia leggeri che pesanti, come il classico taglio della porzione posteriore del telaio per accorciarlo e raccordarlo con un archetto con la nuova sella e il parafango a sbalzo e un piccolo contenitore home made creato per accogliere l’impianto elettrico (compresa la batteria). Poiché l’XL 500 vivrà in zone ricche di salsedine (leggasi spiagge australiane!) si è optato per una verniciatura protettiva completa e nera, mentre tutti i dadi e bulloni sono stati zincati. La forcella standard è stata ricostruita e modificata con un kit di molle progressive, olio più performante e una piastra antisvergolo; dietro sul forcellone di serie (completamente ristrutturato) sono stati applicati due ammortizzatori Hyper VMX più lunghi e performanti. Il tutto è stato accoppiato con cerchi a raggi Excel (entrambi da 18 x 2,5) verniciati a polvere con il classico nero e cerchi Maxxis. Parafanghi aftermarket tagliati con un look “squadrato”, pedane SPP in lega dal maggiore grip (ricordatevi che questa moto viaggerà su strade asfaltate e, soprattutto, in fuoristrada e su spiagge)e serbatoio CB 125 modificato per raccordarsi con la sella. Faro anteriore da 7 pollici, posteriore d’epoca, manopole simil cross, manubrio Rhental, microstrumento e interruttori Motogadget, frecce (piccolissime) a LED, frizione Magura, specchietto tondo (uno, piccolo e posizionato dietro la leva all’interno della linea del manubrio) e quel piccolo interruttore con il pulsante rosso sulla sinistra che sa tanto di cross anni ’90. Tutto studiato nei minimi particolari per rendere più divertente, facile e bella questa special. Anche il motore ha subito un bel po’ di interventi grazie a nuovi pezzi dedicati alle preparazioni da speedway. Nuovi elementi (cuscinetti, guarnizioni, pistone Wiseko forgiato che aumenta la compressione, testata lavorata, filtri K & N, impianto di scarico sdoppiato più corto e “libero”, cambio ristrutturato e adattato alla nuova cavalleria, pignone e corona con rapporto 15/42 e catena RK) e verniciatura nera resistente al calore. La sintesi perfetta del mono alimentato a carburatori, scorbutico e vibrante il giusto e con potenza da vendere. E infine il colore; nero con serbatoio color oro che sa comunque d’estate e di scorribande sulal spiaggia. A proposito di spiaggia, il nome di questa XL 500 speciale è “Zandslee” letteralmente “slitta da sabbia” e il motivo è quantomeno evidente!