martedì 29 luglio 2014

BMW R100 RS by CAFE’ RACER DREAM

#51
Si stenta a credere che la BMW che vedete in foto una volta era una RS, carenata con valigie e pronta per macinare chilometri su chilometri solo su asfalto. Eppure è davvero così. Ottenere un bobber (perché di questo si tratta…un bobber piacevole ed ignorante come pochi!) da una moto da granturismo non è cosa che si vede (e si fa) tutti i giorni. Ciononostante i ragazzi di Cafè Racer Dream hanno accettato la sfida ed hanno reinterpretato la bavarese del 1977 seguendo lo stile richiesto dal cliente. I cambiamenti sono davvero limitati a pochi e mirati interventi che, ciononostante, hanno modificato grandemente linea e dinamica della motocicletta. Lo stile bobber imporrebbe parafanghi aderenti agli pneumatici, sella sospesa e look minimalista. Ed in fondo se guardiamo bene le foto tutti questi dettami sono stati più o meno rispettati. Eliminate le carenature e tutti gli orpelli non necessari (compresa la strumentazione, il codino posteriore ed il telaietto reggisella) si è provveduto ad abbassare la forcella anteriore ed a montare degli ammortizzatori posteriori Hagon. Il telaietto posteriore è stato rifatto più corto per sostenere unicamente la nuova sella (piatta e biposto sospesa sulla ruota posteriore) con nuovi agganci per gli ammortizzatori e per le piccole frecce (identiche davanti e dietro). Il parafango anteriore è quello di una R100 mentre al retrotreno è stato montato un pezzo home made fatto a mano, avvolgente e sostenuto da supporti agganciati al forcellone di serie; targa e fanale posteriore sono sistemati direttamente sul parafango. Davanti è stato applicato un faro tondo con vetro giallo, agganciato a sostegni copri foderi; la strumentazione Motorscope è inglobata nella parabola insieme allo specchietto retrovisore (agganciato al porta faro) mentre le frecce (CRD) sono poste sulla piastra sterzo inferiore. Completa l’avantreno un nuovo manubrio più basso e largo ed i soffietti per la forcella. I cerchi dipinti di nero sono di serie accoppiati a nuovi pneumatici Firestone Deluxes. Altri particolari degni di nota sono le pedane posteriori del passeggero, i silenziatori nuovi con collettori stock telati e parte dell’elettronica sostituita con elementi Motogadget. Per la colorazione si è optato per un gioco di neri lucidi e satinati che ha coinvolto telaio, scarichi, forcella e forcellone, cerchi, faro, specchietti ed ogni altro elemento che non fosse il motore. Unica eccezione il serbatoio originale decorato con un azzurro petrolio con piccoli profili neri. Il risultato è splendido (manca giusto una bisaccia ma è poca cosa) e detta tra di noi, anche abbastanza semplice da realizzare da soli. Ed in fondo non è forse questo lo spirito di Garage Italiano?