domenica 20 novembre 2016

BMW G 310 GS

PICCOLA, ECONOMICA E AVVENTUROSA

 

Che sia piccola è fuor di dubbio; che la sua cilindrata ne limiti l’utilizzo in giro per il mondo non è cosa certa. BMW ha presentato ad EICMA in anteprima mondiale la nuova G 310 GS, il modello fatto per girare il mondo (ma va bene pure in città) della famiglia motorizzata con il piccolo mono di 313cc.
Funzionale, affidabile e robusta la G 310 GS trasla le peculiarità dei modelli GS in un segmento (quello delle moto sottoi 500cc) del tutto nuovo per il tipo di motocicletta, almeno secondo la tradizione di BMW. Si tratta a tutti gli effetti di una GS genuina, concepita come un prodotto altamente contemporaneo con un livello di versatilità che attualmente non ha rivali nel segmento. E’ agile e scattante nel traffico cittadino, mentre sui fondi leggeri è eccezionalmente robusta. Ciò la rende compagna perfetta per le avventure di guida quotidiana. Estremamente compatta, eppure matura e confortevole, la GS apre un mondo completamente nuovo di esperienze di guida all’interno del suo segmento. Ed è proprio questa sua versatilità che la rende particolare nel segmento d’ingresso. La G 310 GS può essere identificata a prima vista come una genuina GS grazie al suo caratteristico parafango alto, alla sua flyline straordinaria e alla coda corta e alta, elementi classici delle sorelle maggiori. Le proporzioni compatte, il passo corto, la ruota anteriore da 19 pollici e la maggiore escursione della sospensione favoriscono una posizione di guida tipicamente eretta che promette una risposta alla guida pronta ed agile. Esattamente come la sorella R la GS è stata progettata per il mercato globale; quindi può viaggiare con diverse qualità di carburante e rispetta tutti gli standard sulle emissioni e le direttive locali. Il pezzo forte della nuova G 310 GS è il motore monocilindrico da 313cc raffreddato a liquido (già montato sulla G 310 R) con quattro valvole e due alberi a camme in testa e iniezione elettronica. Una caratteristica saliente del motore sta nel fatto che il suo cilindro è inclinato verso il posteriore con la testata ruotata di 180 gradi: aspirazione davanti, scarico dietro. Questa configurazione segue la logica di una fornitura diretta di miscela aria fresca-benzina che aumenta la potenza e che porta anche conseguenze positive in termini di architettura della moto. Con una potenza di 25kW (34CV) a 9.500 giri/min. ed una coppia massima di 28Nm a 7.500 giri/min., l’innovativo monocilindrico garantisce divertimento alla guida unito al basso peso della motocicletta (169,5 chili a secco). Esattamente come per le versioni più grandi, anche sulla G 310 GS l’ergonomia è stata studiata per offrire divertimento e comodità su strada e fuori strada. La posizione in sella è stata progettata per favorire una guida rilassata in ogni frangente; tutti gli interruttori ed i controlli sono ergonomici e sicuri da gestire e grande importanza è stata attribuita all'impiego semplice e sicuro del mezzo, tenendo conto delle diverse conformazioni anatomiche dei piloti. Il tutto è amalgamato dal telaio tubolare in acciaio completato dal telaietto posteriore imbullonato (altro espediente derivato dallo studio dei globetrotters sparsi per tutto il mondo in sella a BMW GS) con forcella rovesciata e forcellone lungo d’alluminio (con mono montato direttamente) che garantiscono elevata stabilità, risposta precisa dello sterzo e maneggevolezza. Come tutte le moto BMW anche la G 310 GS è fornita di serie dell’ABS a due canali. Per l’utilizzo fuoristrada il sistema può essere comodamente disattivato, se desiderato, premendo un pulsante.