giovedì 24 novembre 2016

HONDA CB 1100 TR

TRIBUTO A MARCO SIMONCELLI
Nello stand Honda, durante l’EICMA, è stata esposta una special basata sulla CB 1100 e con uno stile palesemente da ovali di terra battuta. Di per se farebbe già scalpore un prodotto di questo genere, dedicato al flat track, con il grosso quattro in linea di 1.140 centimetri cubici da 90 cavalli e ben 91 Nanometri di coppia.
Se non fosse per un particolare: la tabella portanumero riportava il 58, un chiaro riferimento a Marco Simoncelli. Disegnata da Valerio Aiello, enfatizza lo spirito e la cultura tutta statunitense per il traverso traslandolo nell’ambiente urbano delle city (da qui l’utilizzo della base “anomala” per la tipologia di motocicletta). Della CB 1100 rimane molto, ma altrettanto è stato eliminato a partire da buona parte della porzione posteriore del telaio tagliata di netto per ospitare il codino corto e uno dei due silenziatori Termignoni (l’altro è sul lato destro). La ciclistica è stata stravolta con nuova forcella a steli rovesciati e ammortizzatori posteriori pluriregolabili con serbatoio separato Ohlins, cerchi in lega Marchesini (al posto dei classici raggi), pneumatici slick (probabilmente una scelta più scenica che pratica), manubrio e forcellone posteriore differenti e più adatti (e robusti) per l’impiego per cui è stata pensata. Sotto la sella fa capolino un aggressivo filtro conico più aperto rispetto al classico e pacioso air box di serie. Completamente nuovi anche i freni che montano, tra l’altro, pinze freno radiali Brembo all’anteriore. Le poche sovrastrutture sono state ridotte all’osso e di fianco alla special erano poste in bella mostra delle variazioni cromatiche ora con colorazioni classiche della Honda ora più futuristiche.