lunedì 12 giugno 2017

MOTOGP: IN CATALUNYA DOVIZIOSO CONCEDE IL BIS

L’italiano ci prende gusto e vince (di testa) la sua seconda gara stagionale e vola a -7 dal capoclassifica. Bene anche Lorenzo quarto in crescita.

Per la seconda volta in sette giorni Dovizioso ha alzato in aria il trofeo del vincitore espugnando prima il Mugello e poi anche la pista catalana. E a far ben sperare gli uomini in rosso è il modo con cui sono maturati i due successi: di testa, gestendo gara e gomme e senza attendere la debacle dei big. In sintesi Dovizioso vince e lo fa da campione navigato al punto che nella conferenza post gara ha dichiarato che non ha neppure spinto al massimo la sua GP17.
E a questo punto è lecito porsi la domanda quanto del potenziale della rossa di Borgo Panigale ha tenuto nascosto nel suo polso destro. La seconda vittoria stagionale arriva assieme a una buona prestazione del compagno di squadra Lorenzo che dopo i primi giri in testa ha lasciato sfogare gli avversari mantenendo il proprio ritmo. Quando chi si trovava davanti ha cominciato ad accusare il degrado delle gomme al maiorchino non è servito altro che continuare a girare sui tempi dei giri precedenti e superare, uno dopo l’altro, gli avversari e chiudere in quarta posizione. Non è ancora la prestazione che ci si aspetta dal penta campione, ma sulla pista catalana particolarmente ostica alla Ducati, è il segnale che tutti attendevano ai box per poter cominciare a credere davvero che entro la fine della stagione il gradino più alto del podio possa essere alla sua portata. Il risultato di questi ultimi due week end di gare porta la Ducati a un passo dal secondo posto nella classifica costruttori (attualmente occupato dalla Honda) e Dovizioso a -7 dal capo classifica Vinales. E pensare che senza lo zero in Argentina, dove l’italiano è stato centrato da Espargaro, oggi sarebbe in testa al mondiale! La prossima gara è tra quindici giorni ad Assen dove l’anno passato in una gara pazza segnata nel bene e nel male dal meteo, Dovizioso ha dimostrato di poter fare ancora una volta la differenza in sella alla sua Ducati (almeno nella prima parte di corsa; il vincitore fu Miller grazie a una tattica che lo ha premiato al restart). “Sono contentissimo ma anche un pò sorpreso da questa vittoriaAndrea Dovizioso ha dichiarato –. Avevo un ottimo feeling prima della partenza perché sapevo che potevamo essere molto competitivi, non tanto perché eravamo i più veloci in pista, ma piuttosto perché sabato avevamo lavorato bene in ottica gara. E’ stata una gara di strategia e noi siamo stati bravi a interpretare i limiti della pista e delle gomme. Il tracciato era molto difficile e tutti i piloti hanno avuto dei problemi con il grip delle gomme che calava moltissimo e quindi ci siamo concentrati sulla gestione del loro consumo e sulla costanza, e questa scelta ha funzionato. In gara riuscivo a essere molto veloce senza forzare quando mi trovavo dietro a Pedrosa e questo mi ha aiutato molto negli ultimi dieci giri, quando l’ho superato e ho poi guadagnato un piccolo gap rispetto alle due Honda. Siamo stati davvero molto bravi!” Molto positive anche le dichiarazioni di Jorge Lorenzo nel dopo gara: “un altro risultato fantastico per la squadra, questa seconda vittoria consecutiva per Ducati. Per quanto mi riguarda è la prima volta che termino la gara a meno di dieci secondi dal vincitore, oltre a essere anche la prima volta in cui sono partito dalla prima fila e sono stato al comando della gara per alcuni giri: questo significa che stiamo migliorando costantemente. Peccato che abbia perso un pò il ritmo dal sesto giro in poi e mi sia fatto superare in frenata alcune volte, perdendo molto tempo verso metà gara con un passo più lento del gruppo di testa, ma verso la fine sono riuscito a guadagnare alcune posizioni chiudendo il GP al quarto posto. Adesso dobbiamo continuare a lavorare per cercare di essere più costanti in gara e provare a migliorare presto il terzo posto di Jerez”. Anche Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding, ha voluto condividere la contentezza per l’ottima prestazione di tutta la squadra: “essere di nuovo sul primo gradino del podio a una sola settimana dalla vittoria straordinaria del Mugello è la conferma del grande lavoro che è stato fatto e quindi non proviamo solo una grande emozione ma abbiamo anche la determinazione che ci spinge a fare ancora meglio. Voglio ringraziare ancora una volta i ragazzi e le ragazze di Ducati Corse e tutte le persone che ci supportano e spronano, compresi i nostri tifosi, perché ora siamo molto vicini alla prima posizione in campionato. Fino a qualche mese fa tutto questo sarebbe stato impensabile è quindi è stato davvero importante tenere i nervi saldi anche nei momenti difficili che abbiamo passato”. Ma l’immagine che ricorderemo con più piacere di tutto il week end spagnolo, è il sorriso di Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse, sotto il palco della premiazione: “abbiamo ottenuto un altro risultato meraviglioso dopo la splendida vittoria di sette giorni fa al Mugello! Sapevamo che la pista di Montmelò per noi era difficile: l’anno scorso avevamo sofferto molto e proprio per questo recentemente avevamo fatto due giorni di test che sicuramente ci sono serviti, visto che qui le nostre moto erano tutte a posto, anche quelle dei nostri team satellite. Andrea è stato molto bravo e molto intelligente e ha fatto davvero una grande gara, ma anche Jorge ha terminato bene il GP chiudendo la gara al quarto posto dopo un’ottima partenza. Sono veramente molto felice, e voglio ringraziare tutti i ragazzi e le ragazze di Ducati Corse per il loro grande impegno”.