mercoledì 23 agosto 2017

SBK GP Germania: risultati altalenanti per il team BMW Althea

Torres nella top ten in rimonta; De Rosa out in gara uno e quindicesimo in gara due. Si lavora per migliorare la S1000RR.

Prestazioni altalenanti per i piloti del team Althea che in sella alle S1000RR hanno chiuso nella top ten (Torres) e fuori dai primi dieci (De Rosa). Lo spagnolo ha iniziato gara uno con un brivido quando ha rischiato di cadere dopo che il posteriore aveva perso grip. Scivolato in ventunesima posizione dopo il primo giro, ha iniziato una rimonta che, nonostante il degrado degli pneumatici, lo ha portato fino al nono posto. Gara due è stata relativamente più tranquilla, condotta sempre nei primi dieci e chiusa in ottava posizione.
De Rosa ha chiuso gara uno con un ritiro dopo una scivolata e nonostante il buon ritmo in gara. La manche della domenica è stata chiusa in quindicesima posizione dopo aver rischiato un’altra scivolata nelle prime fasi di gara. “La Superpole è andata bene e avevo una buona posizione in griglia – ha dichiarato Torres –. Sono partito bene ma alla terza curva ho perso aderenza al posteriore, perdendo di conseguenza molte posizioni. E’ successo ancora un paio di curve dopo ed ho perso fiducia nella gomma. Comunque, dopo tutto questo ho ritrovato, pian piano un buon feeling ed ho recuperato giro dopo giro. Peccato per l’inizio perché poi ho perso tanto tempo a lottare con i piloti nella parte più bassa della classifica; ho fatto quello che potevo visto quello che ci è successo. Gara due non è andata male. Ho dovuto chiedere il massimo sia a me stesso che alla moto. Il passo comunque è stato infernale e abbiamo faticato a stare con i primi. Sono riuscito a stare vicino, ma non attaccato, al gruppo davanti. Mi sono comunque divertito e penso di aver dato il massimo. La moto continua a non girare come vorrei e come fanno le moto dei più veloci. Continueremo a lavorare per cercare di essere più competitivi già da Portimao”. Queste le dichiarazioni di De Rosa dove spiega l’evoluzione delle sue prestazioni nell’arco di tutto il week end: “man mano che sono passati i turni di prova, mi sono sentito sempre meglio, soprattutto fisicamente dopo la caduta in Giappone. Mi dispiace per la caduta nella gara di sabato, sono un po’ sconfortato ed è un peccato visto che la moto funzionava bene e io mi sentivo a posto. Ero lì con Forés, e stavo provando a prendere il mio ritmo e a fare progressi, quando la caduta mi ha impedito di continuare. Domenica ho potuto mantenere la mia posizione all’inizio e in seguito ho iniziato a recuperare. Al sesto giro però ho avuto un problema alla curva 9, e stavo quasi cadendo. Da lì in poi c’è stato uno scivolamento strano e ho faticato a guidare la moto; è stato veramente difficile arrivare sino alla fine. Abbiamo visto dai dati che c’è qualcosa che non è andato per il verso giusto, ma verificheremo meglio. Mi dispiace perché noi come squadra abbiamo lavorato bene tutto il weekend ed è stato un peccato non raccogliere un buon risultato. Dobbiamo comunque tener duro fino alla fine”.