mercoledì 8 febbraio 2017

HARLEY-DAVIDSON SPORTSTER XL1200CX ROADSTER “LAKESTER” by H-D LAROCHELLE

FIGLIA DEL VENTO
L’idea alla base della competizione Battle of the Kings indetto per il terzo anno consecutivo da Harley-Davidson, è quella di mostrare le potenzialità di customizzazione dei modelli del costruttore americano. Le regole sono semplici: su una base comune (quest’anno si tratta della nuovissima e sportivissima Sportster XL12000CX Roadster) i dealers del vecchio continente potranno intervenire utilizzando sostanzialmente parti presenti nel catalogo Harley-Davidson.
In sintesi la fantasia è al potere e l’unico limite è…sempre la fantasia dei concessionari! Per una volta abbiamo allungato lo sguardo oltre i patri confini per sbirciare tra le proposte dei cugini d’oltralpe scoprendo una customizzazione a dir poco incredibile realizzata dal dealer francese H-D Larochelle, chiamata Lakester. Sfruttando sapientemente le dimensioni del telaio e i cerchi in lega d’alluminio a cinque razze (anteriore da 19 pollici e posteriore da 18) hanno dato vita ad una motocicletta che non sfigurerebbe sul lago salato di Bonneville, ferma sulla linea di partenza e pronta a infrangere record di velocità. Tutto ruota attorno alla carenatura a campana, profilatissima, realizzata in fibra di carbonio e che nasconde buona parte della Roadster. Anche il resto delle sovrastrutture sono veri colpi di genio: serbatoio peanut del Forty Eight e codino realizzato tagliando e modellando il…serbatoio di una 883 che chiude le linee rastremate e filanti della carenatura. Scarichi realizzati su misura con uscite laterali poste sotto il cornetto d’aspirazione più libero, ammortizzatori posteriori regolabili, pedane (e relativi comandi) arretrate, strumentazione riallocata tra i cilindri, nuovi semimanubri sfilati verso il basso, pneumatico posteriore slick e verniciatura ispirata alla Screamin' Eagle (marchio dedicato alla realizzazione di componenti ad alte prestazioni per tutti i modelli Harley-Davidson) sottolineano lo spirito racing della customizzazione. L’aspetto più interessante è che il telaio non è stato modificato in alcun modo e tutti gli interventi effettuati sono teoricamente reversibili. Adesso la palla passa agli internauti che da lunedì 16 gennaio e fino al 14 febbraio potranno votare ed eleggere il “King francese”. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio per poi scontrarsi con gli altri Re europei durante la finale che si svolgerà a novembre durante l’EICMA. A noi rimane l’ispirazione sprigionata dalla Lakester  e la convinzione che possa ispirare altrettanti lavori su ogni singola Sportster, per quanto già un altro grande preparatore (italiano) aveva sperimentato qualcosa di molto simile: chi di voi ricorda la Spirit of record di Totti?