lunedì 27 febbraio 2017

MXGP

TONY IS BACK!
Se il buongiorno si vede dal mattino quello del Tonino nazionale deve essere davvero pieno di sole, perché dopo la strepitosa  vittoria agli Internazionali d’Italia MX il successo di forza nella prima gara mondiale in Qatar è la certezza che dopo 14 anni l’otto volte campione del mondo messinese ha ancora fame di titoli.
E poco importa se quella che è iniziata domenica è la stagione più lunga di sempre con 20 round divisi tra il vecchio e il nuovo continente, perché il doppio successo in gara 1 e 2 conquistati con lucidità e sicurezza nei propri mezzi  e in se stesso ci hanno restituito il miglior Cairoli di sempre. La prima gara in notturna è stata un soliloquio del siciliano in sella alla sua KTM SX-F del Red Bull KTM Factory Racing Team: partito davanti a tutti e illuminato dalle luci artificiali del circuito, ha tenuto la testa della corsa dal primo all’ultimo giro imponendo il suo ritmo e relegando Desalle (secondo con la Kawasaki) a quasi nove secondi di distanza. Ma è in gara 2 che si è capito che quest’anno sarà dura per tutti gli avversari. Al pronti via infatti, nonostante una buona partenza un contatto ha relegato il messinese in terza posizione dopo la prima curva. Recuperata la seconda piazza dopo pochi metri, Cairoli ha iniziato una rimonta durata sedici e conclusa nel finale con la conquista del primo posto su Gajser staccato di quasi cinque secondi. “E’ stato sicuramente un ottimo fine settimana – ha dichiarato Antonio Cairoli – questa è la mia quattordicesima stagione nel Mondiale Motocross e non so quanti piloti possano vantare una carriera cosi lunga, oltretutto ho vinto almeno un Gran Premio all’anno per 14 anni consecutivi. Questa stagione abbiamo avuto un ottimo avvio, con buone gare pre stagionali e senza infortuni, questo mi ha permesso di guidare quanto necessitavo e di fare molti test e la moto ha fatto un deciso passo in avanti. Solo la mia salute non era al top, sono arrivato dall’Italia piuttosto malconcio, con una influenza che mi ha costretto a prendere medicine durante la settimana. Ad ogni modo mi sono divertito a gareggiare su una pista molto tecnica dove sono riuscito a trovare buone linee, conservando energie per il finale di entrambe le manche. In gara uno sono partito in testa e ho guidato col mio ritmo, prendendo un buon vantaggio che ho amministrato fino al traguardo. In gara due ho fatto un’altra buona partenza ma mi sono toccato con Tim ed ho avuto paura di aver danneggiato la ruota anteriore. Dopo qualche giro mi sono accorto che tutto era ok e mi sono messo a seguirlo ma era molto veloce e a metà gara ha preso un buon vantaggio. Verso la fine ho trovato qualche buona traccia e visto che mi sentivo bene sulla moto ho cominciato a spingere, riuscendo a passarlo, vincendo anche la seconda manche. Sono molto contento per il risultato ovviamente e anche delle belle gare viste oggi, ora pensiamo al prossimo weekend in Indonesia”. Appuntamento al 5 marzo in Indonesia dove si sposterà il circus per correre sull’inedita pista di Pangkal Pinang.