lunedì 6 febbraio 2017

MOTOGP

TEST DUCATI: PILOTI IN CRESCITA E SEGRETI TECNICI
C’era grande attesa per il debutto della nuova moto da gran premio della Ducati con in sella il pilota maiorchino. Ma a tenere banco è stata la misteriosa “scatola” sotto il codino e i tempi fatti registrare da Stoner. L’australiano ha sbalordito tutti nella prima giornata prendendo la testa della classifica provvisoria (alla fine dei tre giorni chiuderà ottavo assoluto) e portando avanti lo sviluppo della Desmosedici GP 2017 nella terza giornata insieme ai tecnici del Ducati Test Team concludendo settimo con il tempo di 1’59”639.
Il meteo ha influito sul lavoro di tutte le squadre alternando caldo e pista asciutta a scrosci di pioggia e asfalto umido rallentando di fatto i programmi dei team. Ciononostante se Dovizioso ha dimostrato d’essere sempre presente nella top five chiudendo la classifica con il quarto posto. Lorenzo ha dimostrato di credere nel progetto Ducati adattando il proprio stile di guida alla moto e progredendo giorno dopo giorno nella graduatoria dei tempi chiudendo decimo ma con ampi margini di miglioramento. Sotto l’aspetto tecnico la nuova Desmosedici GP 2017, abbandonate le ali, studia nuove soluzioni aerodinamiche (ma non solo). Infatti se Stoner ha potuto provare diverse configurazioni anche per confrontare i dati tra la versione con e senza ali, Pirro ha testato nuovi particolari tecnici su una moto “laboratorio” su cui erano montati diversi scarichi, una “scatola” sospetta sotto il codino e variazioni aerodinamiche degli sfoghi dell’aria sulle pance laterali. Quali che siano stati i risultati (e indipendentemente dal fatto che tali particolari verranno o meno applicati sulle Desmosedici GP la costante è la volontà di sperimentare soluzioni nuove e innovative che possano dare quel vantaggio sugli avversari (che sarebbero costretti a “inseguire”) esattamente come accaduto con le ali dell’anno passato. I prossimi test ufficiali MotoGP in programma sul circuito australiano di Phillip Island dal 15 al 17 febbraio potrebbero riservare altre sorprese. Nell’attesa riportiamo di seguito le dichiarazioni di piloti e tester dopo la terza e conclusiva giornata di prove sul circuito di Sepang. Andrea Dovizioso: “Sono molto soddisfatto del lavoro che abbiamo fatto in questi test perché, nonostante le condizioni meteo, siamo riusciti a fare tutte le prove e le verifiche che erano in programma e a raccogliere informazioni importanti per il nostro sviluppo. Ho un buon feeling con la mia moto, meglio dell’anno scorso e sinceramente non me l’aspettavo, ma a casa gli ingegneri hanno fatto davvero un ottimo lavoro. Abbiamo una buona base, ma dobbiamo migliorare ancora certe nostre caratteristiche, però lascio la Malesia molto contento. Fra pochi giorni ci sarà un test importante a Phillip Island, che è un circuito molto diverso da Sepang, e il nostro obiettivo è riuscire a essere competitivi anche su quella pista”. Jorge Lorenzo: “Sono contento perché siamo riusciti a fare buoni progressi e giorno dopo giorno sto imparando a conoscere sempre meglio la mia moto. Oggi sono riuscito a togliere ancora sette decimi dal mio tempo di ieri e a ogni uscita mi sto avvicinando sempre di più al mio potenziale, anche se ancora mi manca qualcosa. L’intera squadra è molto motivata, e stiamo lavorando bene insieme. In questi tre giorni abbiamo ottenuto tantissime informazioni utili per migliorare ulteriormente la Desmosedici e stiamo diventando sempre più competitivi”. Casey Stoner: “Oggi è stata un’altra giornata piuttosto positiva, perché abbiamo provato tante cose prima dell’arrivo della pioggia, ma per fortuna verso la fine della giornata siamo riusciti di nuovo a girare a lungo in pista. Abbiamo provato numerose configurazioni differenti, lavorando su telaio, forcellone, mappature e altro, e quindi è stato un test molto utile e sono sicuro che abbiamo portato a casa molte informazioni importanti per i nostri ingegneri”.