lunedì 1 maggio 2017

BMW R100RS by JRM MOTO

FRANKENSTEIN RACING
Aspettarsi che una BMW (soprattutto se molto anziana e con il motore boxer) possa assecondare le velleità corsaiole dei proprietari era un pensiero assurdo…almeno fino ad oggi. Infatti nella terra della lavanda, delle baguette e dello sbarco in Normandia, la cultura motociclistica ha partorito alla fine degli anni ’80 il supermotard e oggi un nuovo modo di concepire la sportività in salsa bavarese. J
eremie Lago, la mente e il braccio dietro questa special, ha fondato la JRM Moto quattro anni fa collaborando a stretto contatto con lo storico negozio di parti di ricambio e preparazioni MCSO; unendo le forze sono stati riconosciuti tra i migliori customizer francesi. Non pago di questi risultati Jeremie ha deciso di trasformare una vetusta BMW R100RS del ’79 totalmente originale in qualcosa di non identificabile e lontano dalla moda attuale che vuole bobber bassi, tasselli ovunque e strane racer che di corsaiolo hanno solo l’adesivo sul serbatoio. No, l’idea che ha messo in movimento le chiavi inglesi era quella di combinare vecchio e nuovo in un design innovativo e allo stesso tempo funzionale. Chissà se chi ha venduto la BMW a Jeremie ha visto in cosa è stata trasformata, dal momento che del modello originale è rimasto solo il motore e buona parte del telaio! Alleggerendo il più possibile la turistica tedesca si è puntato su elementi che potessero migliorare rapidamente e senza passi falsi anche la ciclistica. Per questo motivo davanti è stata trapiantata una forcella Ducati e dietro il Paralever di una BMW R850RT amalgamati nella messa a punto per lavorare bene assieme. Parecchi gli elementi modificati come i gruppi ottici a LED, lo sterzo LSL con il nuovo strumento Motogadget (a proposito il pulsante azzurro sul serbatoio è quello dell’accensione!), la batteria agli ioni di litio posizionata dove prima si trovava l’air-box, il nuovo telaietto posteriore più piccolo (praticamente la metà di quello originale), i cerchi BMW in lega, i filtri più aperti, i nuovi scarichi sdoppiati corti, le pedane alleggerite e su tutto le nuove barre di rinforzo del telaio che irrigidiscono l’intera struttura (le avevate notate?). Per la verniciatura si è optato per i classici colori Motorsport. Rimane solo da capire come va questa BMW; e per toglierci ogni dubbio chiamiamo in causa direttamente Jeremie: “da guidare è un piacere totale. Credo che il tempo che mi sono preso per i dettagli, sia meccanici che estetici, abbia fatto la differenza. Tutti gli elementi lavorano meravigliosamente insieme”. Che dire, quindi, se non lunga vita al boxer!