lunedì 22 maggio 2017

LE MANS: DUCATI SENZA GLORIA NE INFAMIA

Il quarto e il sesto posto in gara la domenica raddrizzano un brutto week end iniziato con pessime qualifiche. E in più c’è il problema gomme!

Si è concluso un week end molto travagliato (e carico di tensioni) per Ducati. Dopo qualifiche disastrose con Dovizioso sesto e Lorenzo addirittura sedicesimo, la gara della domenica ha permesso di mettere una pezza in questo fine settimana su una pista che, sulla carta, poteva essere favorevole alla GP17. Ciononostante il quarto posto di Andrea e il sesto di Jorge non sono del tutto veritieri dal momento che sia Marquez che Rossi, che si trovavano davanti ai piloti Ducati, sono caduti in diversi momenti della gara.
A questo si deve aggiungere il problema delle gomme su cui si è aperta una vera e propria querelle con Michelin e con gli altri team. In sintesi pur completando la corsa e conquistando punti, Dovizioso è stato superato da Zarco e ora occupa la sesta piazza con 54 punti (il francese ne ha uno in più e Marquez quattro) mentre Lorenzo a quota 38 è ottavo incalzato dall’altro pilota del team Tech3 a pari punti. “Alla fine il quarto posto è un buon risultato – ha dichiarato Andrea Dovizioso –, e forse avrei potuto anche provare a giocarmi il podio con Pedrosa, però non posso essere del tutto soddisfatto. Probabilmente abbiamo portato a casa il miglior risultato possibile perché verso metà gara ho dovuto rallentare il mio ritmo: forzando molto in alcuni punti della pista stavo perdendo forza nell’avanbraccio destro e non sono riuscito a mantenere la stessa intensità per tutta la gara. Alla fine il mio passo era abbastanza buono e sono riuscito a girare in 1'33” basso abbastanza facilmente e a restare davanti a Crutchlow fino al traguardo”. L’italiano ha chiuso a oltre 11 secondi dal vincitore e a 3 e mezzo da Dani. Peggio è andata a Lorenzo staccato di ben 24 secondi, che ha dichiarato: “considerando la mia posizione sulla griglia di partenza e il risultato del warm up dobbiamo dire che è stata una gara abbastanza positiva per noi. E’ vero che il distacco dal vincitore è molto importante e che in alcuni tratti del circuito perdevo davvero molto, però in generale il mio ritmo è stato molto costante e non ho commesso alcun errore. Alla fine abbiamo ottenuto un buon sesto posto, il mio miglior risultato di quest’anno dopo il podio di Jerez, ma dobbiamo continuare a lavorare sodo”. La prossima gara al Mugello entrambi i piloti saranno chiamati a una prova d’orgoglio che esula dal semplice buon piazzamento dal momento che in Italia i tifosi della Ducati si aspettano la vittoria.