lunedì 29 maggio 2017

DUCATI GT 860 by HAZAN MOTORWORK

LO STRANO CASO DELLA DUCATI TURBOCOMPRESSA
A prima vista le forme e lo stile geometrici ricordano il famoso quadro Tableau I del 1921 di Mondrian, ma il turbocompressore ostentato sopra la testata anteriore rimanda lo stesso effetto brutale di un pugno nello stomaco. Considerando poi che la base di partenza è una Ducati GT 860 a coppie coniche e distribuzione desmodromica del ’78 il desiderio di salire in sella e provare l’ebrezza di torcere le proprie budella è un tutt’uno.
Per rendere l’idea della mole di lavoro che ha richiesto questa preparazione sappiate che il motore è stato rifatto tre volte, due turbocompressori sono stati provati fino a trovare la giusta alchimia che garantisse prestazioni e guidabilità, sono state sperimentate tre diverse configurazioni del circuito dell’olio, la frizione è stata modificata con l’aggiunta di un sistema idraulico dopo aver montato molle più dure per resistere al carico generato dal propulsore, sono stati testati due differenti sistemi d’accensione e ben trenta combinazioni di getti dei carburatori prima di poter deliberare il settaggio definitivo. Alla fine il Garrett GT15 lavora perfettamente con i nuovi pistoni e con il carburatore Weber DCOE 40 coadiuvato da pompe e regolatori carburante Holley e dall’accensione elettronica Electronik Sachse. Sul motore sono stati montati anche uno scarico in acciaio nuovo (per adattarsi al turbocompressore), nuove valvole d’aspirazione e un sistema di lubrificazione più consono alle nuove prestazioni del bicilindrico che, praticamente, è stato ricostruito attorno al turbo! Anche la ciclistica è stata abbondantemente modificata accorciando il passo di ben due pollici e montando un nuovo forcellone posteriore in tubi al cromo molibdeno con capriata di rinforzo inferiore che funge anche da collegamento con il mono posto sotto il motore. Freni, cerchi, settaggio forcella anteriore, comandi e sovrastrutture sono praticamente nuove o rifatte da zero. Ma quello che fa impazzire Max Hazan è la valvola si scarico “…un pò Fast and Furious, ed è fottutamente bello cambiare marcia e sentire la turbina e la spinta. Credo che il rumore fosse parte del motivo per cui ho fatto questa moto”. E se lo dice lui bisognerà credergli.