lunedì 24 marzo 2014

BMW

QUESTA MOTO NON ESISTEVA





Non si può negare che i modelli classici BMW della serie R stiano godendo di un momento d’oro (soprattutto la serie GS). Molti le scelgono come donatrici per progetti di customizzazione mentre altri li scelgono per restaurarli e mantenerli originali ed efficienti. Oggi voglio presentarvi un progetto nato dal catalogo BMW Group Classic: quella che sembra una BMW R 90 S degli anni ’70 è in realta’ una moto costruita da zero utilizzando ricambi originali BMW. Il progetto è stato concepito due anni fa dal concessionario BMW Motorrad USA MAX BMW, ufficialmente riconosciuto come uno specialista dei modelli classici BMW . Molti motociclisti sono ad un punto della loro vita in cui desiderano le moto che avevano o che avrebbero voluto possedere, motivo per cui Max ed il suo staff hanno deciso di condurre un esperimento scegliere un classico modello di BMW per scoprire quante parti fossero ancora disponibili.



Definito il modello da riprodurre (R 90 S) si è dato inizio all’avventura. I tecnici di tutte le sedi MAX BMW sono stati riuniti per completare la lista dei pezzi necessari utilizzando manuali originali e aggiornati ed in tre giorni hanno trasformato le varie parti sparpagliate dentro gli scatoli in una moto funzionante e dopo un giorno dedicato all’ispezione totale del mezzo hanno effettuato un giro di prova. La parte più complessa è stata il reperimento del blocco motore completo delle sue parti; fortunatamente BMW Motorrad ha mantenuto la maggior parte dei suoi utensili originali per cui molti pezzi non disponibili in magazzino possono essere riprodotti se necessario. Molti componenti sono stati costruiti da zero (come per esempio le ruote a raggi) ed a parte rare eccezioni (come ad esempio la clip a molla per l'airbox , l’asta della leva del freno ed alcuni particolari della forcella anteriore prelevati da una R 100 RS) tutte le parti della motocicletta, compreso il serbatoio da 24 litri con la vernice bicolore originale, sono pezzi originali di fabbrica per la R 90 S. Alla fine si sono contati 1665 elementi, per un costo totale di circa 46.000 dollari. Secondo Max l’esperimento è stato un successo ed i potenziali acquirenti si sono già fatti avanti.