mercoledì 5 marzo 2014

DUCATI

DUCATI DIAVEL MY 2014
NON CHIAMATELA CRUISER






Presentata in anteprima mondiale a Ginevra la nuova Ducati Diavel nella doppia versione Dark Stealth e Carbon. Del precedente modello sono stati mantenuti il telaio tubolare in acciaio, la forcella Marzocchi da 50mm con steli antiattrito DLC regolabile in estensione, compressione e precarico della molla; il mono Sachs posteriore, progressivo e regolabile, è infulcrato al forcellone monobraccio in alluminio. Mantenuti i cerchi Marchesini a nove razze in lega leggera con pneumatico posteriore da 240mm creato appositamente da pirelli per la Diablo.



Il propulsore invece è l’ultima evoluzione del Testastretta 11° dual spark (doppia candela) desmodromico a quattro valvole. La cilindrata è rimasta di 1.198cc ed anche la potenza massima (162 cavalli) non ha avuto incrementi sebbene sul nuovo modello viene raggiunta ad un regime inferiore di 250 giri (9.250 invece che 9.500) rispetto alla precedente versione del Testastretta. Potenza e tecnologia sono derivate dalle esperienze maturate nell’ambito della Superbike e difatti i nuovi pistoni sono di derivazione racing al pari dell’alimentazione (gli iniettori sono stati riposizionati); i copri farfallati mantengono la gia’ sperimentata forma ellittici. Grazie all’elettronica il motore risulta potente ma fruibile; la coppia massima è stata aumentata (13,3 Kgm sempre ad 8.000 giri) mantenendo una curva d’erogazione lineare e fluida ed accelerazioni brucianti. L’elettronica coadiuva la guida grazie all’ABS, al Ride by Wire, al controllo di trazione ed al Riding mode (3 mappe selezionabili in movimento: Sport, Touring ed Urban). Tutti i dati relativi alla mappatura selezionata vengono visualizzati sul display TFT posizionato sopra il serbatoio: la mappa scelta, la marcia inserita, i dati del traction control, la percorrenza parziale e totale ed il livello del carburante; nel cruscotto classico LCD posto sullo sterzo vengono riportati principalmente i dati di velocità e giri motore. Confermato l’impianto frenante Brembo composto da pinze radiali monoblocco con pompe anch’esse radiali ed in lega; i dischi anteriori sono da 320mm e l’ABS è il nuovo sistema della Bosch.


Nuovo design del faro anteriore (full led) e dei silenziatori corti realizzati in acciaio inox e con un taglio che segue il profilo della ruota posteriore. Due particolari su tutti: la chiave che “attiva” la moto in un raggio di due metri e che permette di guidarla senza toglierla dalla tasca e la sella bassa (770mm) che nella versione Carbon ha un design dedicato. Infine i prezzi: la Diavel parte da 17.990 euro e puo’ essere declinata, a seconda della versione scelta, in quattro differenti colorazioni.