venerdì 21 aprile 2017

BMW R80 “SIX DAYS” by LUCKY CAT GARAGE

MEGLIO DELL’ORIGINALE
La nascita della famiglia GS passa da un’idea più simile a una pazzia che non a una vera e propria pianificazione industriale e di marketing (oggi si direbbe business plan), immaginata e realizzata da un ristretto gruppo d’ingegneri/piloti malati di fango e tassello che assemblarono i primi prototipi praticamente di nascosto dalla dirigenza.
L’idea, o meglio la folgorazione, che illuminava i loro passi era quella di creare una motocicletta dotata del grosso boxer che potesse partecipare (e possibilmente vincere) competizioni fuoristradistiche come ad esempio la Six Days, la più dura e antica tra le manifestazioni di questo genere. Sebbene fin dall’inizio degli anni ’70 prototipi non ufficiali basati sulle serie Barra 5, 6 e 7 fossero stati utilizzati in gare d’enduro per testarne l’efficacia, la svolta avvenne nel ’78 quando la Federazione tedesca introdusse la classe over 750cc. La nuova dirigenza decise d’affidarsi all'ingegnere-collaudatore Laszlo Peres che nel ’77, sull'esempio delle leggerissime BMW artigianali di Scheck, uscì dal reparto esperienze con il primo prototipo di "gelandestrasse" da 800cc e 124 chili basato sulla R 80/7. Il campionato tedesco fu un ottimo banco di prova e rivelò il potenziale fuoristrada delle BMW. Il titolo nazionale di Richard Schalber, seguito dalle medaglie d'oro di Fritz Witzel e Rolf Witthöft alla Sei Giorni ISDT del '79 a Siegerland, in Germania, attirarono l'attenzione degli appassionati. E per ricordare la partecipazione del ’73 alla Six Days, la factory francese Lucky Cat Garage ha costruito una special storicamente ineccepibile e dannatamente affascinate basata su una R80/7 del ’78. Pur non essendo ben messa, la Barra 7 è stata rivista nel telaio e nella ciclistica che sfrutta nuovi ammortizzatori posteriori Shock2Win più lunghi e una forcella originale di una R80 GS modificata. Cerchio anteriore da 21 pollici (al posto di quello originale da 19), freni misti (tamburo dietro e disco flottante con pinza Brembo davanti) e pneumatici Metzeler Sixdays extreme perfetti per l’uso e per il look. Il propulsore è stato dotato di un nuovo sistema d‘accensione che funziona anche senza batteria, carburatori Mikuni con filtri K&N, scarico personalizzato due in uno realizzato dalla Hattech in acciaio inossidabile che riprende il design originale di quello delle moto che hanno preso parte all’ISDT, cambio con rapporto finale accorciato e coppa HPN con parasassi integrato. Poiché la Six Days nasce con l’idea d’essere davvero efficace anche in fuoristrada, l’imbocco per l’olio (sulla testata di destra) è stato modificato per facilitare i rabbocchi anche in presenza d’incrostazioni di fango; stesso discorso per le pedane originali sostituite con altre più specifiche, per i paraspruzzi in gomma sul parafango anteriore, per la luce supplementare ottima durante i giri notturni nei boschi e per il kit di pronto soccorso. Ogni elemento ha una sua ben precisa funzione pratica ed estetica come il serbatoio ottenuto saldando parti di un Barra 5 e 6, la sella singola che nasconde il vano originale porta attrezzi (e ricambi), il manubrio Magura con leve in alluminio e manopole Domino, i parafanghi Maico, le tabelle portanumero rigorosamente gialle, il faro Yamaha con staffe Husqvarna e le grafiche che riprendono i colori originali motorsport realizzate con decalcomanie così da non doversi preoccupare se si dovessero graffiare in qualche passaggio fuoristradistico…insomma sulla Six Days ogni particolare deve servire a qualcosa altrimenti non avrebbe senso. Questa special è talmente bella e ben fatta che sembra davvero un mezzo ufficiale costruito dalla BMW. E se vi venisse voglia di realizzare qualcosa di simile…beh sarebbe la prima volta che puristi storici e preparatori si troverebbero d’accordo su una special.