mercoledì 12 aprile 2017

MOTOGP ARGENTINA

E SE FOSSE APRILIA LA RIVELAZIONE DELL’ANNO? 
Nonostante il ritiro anzitempo di entrambi i piloti, l’RS-GP sembra essere la vera rivelazione di questo inizio 2017. Aleix Espargaró si è reso protagonista di una buona rimonta confermando il livello di competitività del prototipo di Noale. Pur partendo dall’ottava casella in griglia ha imposto il proprio ritmo che lo ha portato a ridosso di Petrucci e Dovizioso in lotta per la settima posizione. Solo la perdita dell’anteriore al quindicesimo giro lo ha costretto al ritiro forzato.
Discorso simile per il compagno di squadra Sam Lowes che non ha concluso il gran premio d’Argentina per un problema al cambio. Ciononostante Aprilia si conferma saldamente nella top ten durante le qualifiche con Espragarò che, dei due, appare il pilota con il migliore affiatamento in sella alla RS-GP. Il pilota spagnolo riesce a costruire con relativa facilità le sue rimonte in gara e l’Aprilia appare consistente e competitiva sulla lunga distanza al punto che sembra lecito aspettarsi l’exploit su circuiti favorevoli alle caratteristiche di moto e pilota. Queste le parole di Espargaró dopo la gara: "nei primi giri ero un pò più lento degli altri piloti, ma poi le cose hanno cominciato a funzionare. Proprio mentre stavo iniziando ad aumentare il mio ritmo e mi ero avvicinato al gruppo, ho visto Dovi fuori traiettoria e mi sono inserito. Purtroppo ho dovuto frenare forte e ho perso l'anteriore. Mi dispiace molto sia per la squadra che per Andrea, rimasto coinvolto suo malgrado nella mia scivolata. Peccato perchè nella seconda parte di gara potevamo fare bene, ora andiamo ad Austin per confermare i nostri progressi".E qui le parole di Lowes: "all'inizio ho perso qualche metro ma stavo recuperando, riuscivo a girare con un buon ritmo e stavo per raggiungere la zona che lottava per i punti. Ho avuto un problema alla selezione delle marce e sono dovuto rientrare ai box, ma questo è stato per me un buon weekend. In Qatar non avevo avuto modo di lavorare molto sulla moto 2017 prima della gara, trovando comunque una base di setup. Qui siamo intervenuti su qualche dettaglio e in gara ero a mio agio, la nostra moto è molto competitiva a fine gara quindi so che avrei potuto recuperare qualche posizione". Interessanti le dichiarazioni di Romano Albesiano, Aprilia Racing Manager: "questo weekend ha sostanzialmente confermato il livello della nostra moto, con Aleix eccellente in prova. In gara il copione stava ripetendo quello del Qatar, credo non sia esagerato considerare la quinta posizione un risultato alla nostra portata. Purtroppo la caduta ha fermato la rimonta, dobbiamo lavorare per dare ad Aleix una moto più incisiva nei primi giri dove è importante potersi districare nella mischia. La nostra impostazione rimane orientata alla distanza di gara, purtroppo oggi non siamo riusciti a raccoglierne i frutti ma ci sono state comunque importanti conferme della nostra competitività". Dello stesso tenore le dichiarazioni del Team Manager Fausto Gresini: "una gara dolceamara. Abbiamo la consapevolezza di aver fatto un grande lavoro e di avere in Aleix un pilota capace di lottare con i migliori. Abbiamo sofferto un po' nei primi giri ma stavamo rimontando, peccato per la caduta dove credo Aleix abbia perso il riferimento della frenata ingannato dal dritto di Petrucci e Dovizioso. Mi dispiace che la scivolata abbia coinvolto il Dovi, è stata una sfortunata coincidenza. La nostra base tecnica rimane molto buona, Aprilia Racing e il team stanno facendo un grande lavoro. Dobbiamo continuare su questa strada".