mercoledì 26 aprile 2017

MOTOGP USA

LA QUINTA SINFONIA DI MARQUEZ
E sono cinque vittorie consecutive sul circuito texano per Marquez. Dopo un inizio di campionato sottotono, l’America regala allo spagnolo e alla Honda la prima vittoria del 2017 e, forse, una ritrovata fiducia nella RC213V; sul podio sale anche il compagno di squadra Pedrosa, terzo dietro a Rossi. In realtà entrambi i piloti del team Repsol Honda sono apparsi a loro agio sul circuito americano fin dal venerdì e la gara è stata una conferma del buon settaggio della moto e del feeling che sembra essere stato ritrovato.
La lunga rincorsa per la vittoria di Marquez è iniziata nelle qualifiche del sabato quando con il connazionale Vinales si sono giocati la pole position all’ultimo giro dopo essersi alternati in testa alla classifica varie volte a suon di giri veloci. Domenica lo spagnolo della Honda, memore anche degli eccessi di foga dei primi gran premi che lo hanno penalizzato, ha mostrato maturità e sicurezza nei propri mezzi, amministrando gli pneumatici nella prima parte di gara e sfruttando il vantaggio nella seconda quando ha superato il compagno di squadra per involarsi verso il primo successo stagionale. Al contrario Pedrosa ha risentito del calo di grip degli pneumatici e ha dovuto cedere la seconda posizione a Rossi unico portacolori del team ufficiale Yamaha dopo la caduta di Vinales. Ed è proprio questo particolare che pone un dubbio non tanto sull’esito della gara quanto su tutto il resto del campionato; ci chiediamo, infatti, se Marquez abbia corso con relativa tranquillità dopo l’uscita di scena del diretto rivale, dal momento che gli errori commessi fin qui sono stati dettati proprio dalle ottime performance del connazionale che in sella alla Yamaha ha già portato a casa due vittorie su tre gran premi disputati. In mezzo a tanti big stupisce positivamente il quarto posto di Crutchlow che conferma il trend positivo di risultati iniziato l’anno scorso con la Honda del team di Lucio Cecchinello. “Questa è stata una gara cruciale perché dopo che l'Argentina era importante tornare nel modo migliore, quindi siamo davvero felici di questo risultato – ha dichiarato Marc Marquez dopo la gara –. Anche se ho vinto, è stato difficile, perché la temperatura era molto più alta rispetto a sabato. Cinque minuti prima della partenza, ho detto al mio capo meccanico, 'Va bene, usiamo la gomma dura' perché sapevo che avrei spinto molto il pneumatico anteriore. All'inizio stavo solo cercando di capire il limite perché non l’avevo provato al venerdì. Ero dietro Dani e quando ho visto che stava lottando un po' e Valentino spingeva, ho detto 'è il momento d’attaccare'. Ho vinto, e sono contento di essere di nuovo in corsa per il campionato”. Queste le dichiarazioni di Pedrosa che spiega perché non è riuscito a mantenere la seconda posizione fino al traguardo: “sono contento perché abbiamo fatto alcuni passi avanti, e nel complesso questo fine settimana è stato positivo. Abbiamo migliorato rispetto alle ultime gare, e anche in pratica abbiamo ottenuto risultati buoni. In qualifica non mi sentivo a posto come avrei voluto, ma in gara ho fatto una buona partenza e sono passato in testa. Ho condotto la gara per alcuni giri ed è positivo. Alla fine è stato difficile gestire il pneumatico anteriore. Sentivo che il lato destro era finito, quindi non ho potuto evitare che Valentino mi passasse. Dopo l'incidente in Argentina, ho voluto evitare di perdere l'anteriore, quindi ho solo cercato di finire la gara”. E infine Cal Crutchlow, primo tra i piloti di un team privato, che si rammarica per non essere salito sul podio: “è stata una buona gara per noi. Mi sentivo fiducioso perché la squadra ha fatto un lavoro fantastico. Sono solo un po' deluso dal fatto che non siamo riusciti a salire sul podio perché era molto vicino. Ho perso un po' di tempo fuori traiettoria e poi un po' di più con Zarco. La cosa principale è che mi sono sentito fiducioso sulla moto e mi sono sentito fisicamente forte, così ho potuto continuare a spingere. Volevo il podio, ma terzo in Argentina e quarto qui sono buoni risultati, quindi spero che possiamo proseguire con questo slancio nella prima gara in Europa e oltre”.