giovedì 12 giugno 2014

TRIUMPH SCRAMBLER “TROPHY 55” by JOMO RACING

NEL SEGNO DI BUD



Per chi non lo sapesse JoMo Racing è l’acronimo utilizzato dal 1940 dalla casa motociclistica Johnson Motors Inc, la cui storia risale fino al 1938! Impegnata nelle gare con sponsorizzazioni di diversi team può annoverare, tra i vari piloti accasatisi sotto le loro insegne, anche Bud Ekins (si proprio lui) e la Triumph con cui vinse nel 1955 il Catalina Grand Prix. Va da se’ che radici così profondamente radicate nella storia sportiva delle due ruote abbiano prodotto un background di tutto rispetto sfociato in questa special. Dal 2009 la Johnson Motors Inc ha concesso la licenza per utilizzare il marchio JoMo Racing per battezzare la special protagonista di questo pezzo. Basata sulla classica Scrambler inglese addomesticata dalle severe normative d’omologazione ed in parte anche dalla necessità d’essere un mezzo polivalente e dedicato ad un pubblico eterogeneo per esperienze di guida ed altezza, si rifà in tutto e per tutto proprio alla Triumph guidata dal Ekins a Catalina; e da qui il nome “Trophy 55”. La preparazione non stravolge in alcun modo la base di partenza; piuttosto ne esalta le caratteristiche latenti sprigionandole per l’utilizzo da parte di piloti esperti e smaliziati. Il motore è stato rivitalizzato con interventi all’iniezione e con nuovi scarichi a doppio megafono Desert Fox spostati sul lato sinistro e dotati di copertura termica. Specificamente per questa special (e per riprendere il look del modello ispiratore) sono stati approntati tre carter (destro alettato, sinistro liscio e copri pignone aperto) realizzati in alluminio pressofuso e lasciati volutamente grezzi. Sono stati sostituiti i parafanghi anteriore e posteriore con relative staffe ed il manubrio. All’anteriore è stata montata una piastra porta numero con faretto incastonato mentre al retrotreno targa e stop sono stati riposizionati e gli ammortizzatori sostituiti con nuovi elementi Progressive; sul serbatoio (di serie) è stata applicata un porta borsa. Ma di tutta la preparazione (oltremodo pregevole) colpisce immediatamente la colorazione mista arancio e crema (con banda centrale sui parafanghi) che richiama i colori ufficiali della Triumph di Ekins. Questa elaborazione predilige l’efficacia alla sola resa estetica (comunque presente e travolgente) e non intervenendo sulle parti vitali della ciclistica (nello specifico il telaio) risulta un’ottima base di partenza per ispirare la propria special nei vostri garage.