lunedì 30 giugno 2014

YAMAHA XS 650 by SPEED SHOP RED MAX

FLAT TRACK



Oggi mi dedicherò a al flat track e lo farò attraverso due realizzazioni create per la stessa persona. L’artefice della special che vedete in queste foto è il team Speed Shop Red Max il quale ha preso una vecchia Yamaha XS 650 del 1978 e l’ha dirtizzata seguendo anche le indicazioni del committente Drogo Michie (sebbene l’idea di creare una tracker sia stata del builder), art director molto noto che desiderava una moto semplice semplice per seminare il panico tra le strade di Londra. Soppressa la parte posteriore sono state ricostruite sia le staffe che il telaietto per adattarsi al nuovo codino in pieno stile flat (sella Champion realizzata a mano e faro posteriore Sparto tondo) ed al serbatoio Trackmaster molto più piccolo e basso rispetto all’originale (e sostanzialmente anche più consono al nuovo look del mezzo). Il retrotreno è stato completamente stravolto nella linea e nell’assetto con due ammortizzatori Koni regolabili, con l’uso di frecce più piccole e con il riposizionamento della targa sul lato sinistro della motocicletta. Davanti la forcella (di serie) ha ricevuto una finitura grigia a polvere. Freni e cerchi sono rimasti stock mentre per migliorare l’utilizzo anche in pista, è stato montato un manubrio Renthal più largo e basso, un parafango minimale (ma solo per l’uso cittadino) ed un nuovo impianto di scarico della Co-Build Motorcycles; quest’ultimo accessorio che necessita di un buon paracalore quando la moto viene usata in città, ha garantito ben dieci cavalli in più. Per la verniciatura sono stati seguiti i suggerimenti di Drogo che si è ispirato ai colori delle BSA anni '70. Per il resto la motocicletta è rimasta totalmente di serie (affidabilità compresa). Ora la mia domanda è: siete convinti che sia così complesso e difficile ed oneroso divertirsi su piste di terra battuta? Ed è davvero complicato creare una special da flat nel proprio garage? Credo proprio di no!