martedì 6 maggio 2014

BMW R80/7 by SUR LES CHAPEAUX DE ROUES

CAFÉ SPORT



E dopo la Carnera dei ragazzi italiani di EEM arriva la /7 di un team francese. Dalla scrambler alla cafè sportiva con mezza carena come piace a me. Oltretutto l’aspetto più intrigante di questa elaborazione è il modello di partenza (una BMW R80/7 che tendenzialmente si restaurerebbe e non si trasformerebbe) e la sua provenienza (ex gendarmerie o polizia francese che dir si voglia!). In sintesi un uomo compra una moto ex polizia, piena di orpelli plasticosi e di accessori inutili per certi utilizzi e la porta da altri uomini con altrettanta passione e chiede loro di trasformala in una cafè racer sportiva; resa l’idea? Spogliata di tutto il superfluo si è subito pensato all’avantreno dotandolo di una forcella (e relativi freni) Ducati pur mantenendo il cerchio di serie della BMW. Il retrotreno ha ricevuto nuovi ammortizzatori, una sella a filo del telaio ed un faro posteriore di un vecchio Honda CB 125. Ammodernati i copertoni si è pensato di montare sia davanti che dietro due parafanghi più piccoli in alluminio. Gli interventi al motore hanno riguardato nuovi filtri aria ed uno scarico Arrow due in uno che ha necessitato il riposizionamento delle pedane. I cablaggi elettrici hanno creato non pochi problemi ai ragazzi di Sur Les Chapeaux De Roues i quali hanno soppresso i fianchetti laterali, sostituita la batteria con un componente al litio più piccolo e semplificato l’intero impianto. Montata la semicarena la moto è stata verniciata con un mix di metallo grezzo e grigio ed una striscia verde in grassetto che attraversa sia il serbatoio che il cupolino ottenendo un effetto molto gradevole ed originale. Da anni si creano cafè racer semplici svestendo sportive o modificando naked più o meno moderne. Apprezzo maggiormente l’idea di migliorare la ciclistica di motociclette stagionate (anni ’80 e ’90) e di montare semicarenature stile Bol D’Or o Endurance; trovo che diano linfa vitale a motociclette considerate, ingiustamente, bollite e snobbate dai preparatori. Ben vengano quindi uomini coraggiosi che pur riconoscendo il valore di una BMW /7 decidono di intervenire su questi mezzi modificandoli con gusto ed un po’ di sana follia.