giovedì 17 aprile 2014

KAWASAKI Z 1000 by ERIC BOSTROM

CAFE’ RACER


Questa motocicletta è stata create qualche tempo fa ma può sicuramente giovare a chi cerca ispirazioni per la propria special. Nata da un’idea di Eric Bostrom per il format televisivo Cafe’ Racer TV, vuol essere sia un omaggio al grande pilota Gary Nixon sia un esperimento per dimostrare come una sportiva moderna possa fondersi con lo stile ed il look delle motociclette da corsa anni ’70 quando l’acciaio veniva sostituito con la fibra di vetro ed ogni elemento veniva sostituito con pezzi d’alluminio o sforacchiato per diminuire il peso totale. Sulla base di una Kawasaki Z 1000 (Gary corse con una KR750 del team Kanemoto giungendo secondo alla fine del mondiale 1976 nella Formula 750) è stata approntata una customizzazione che alla fine dei lavori, risulta davvero intrigante. Spogliata la moto di tutto il superfluo ci si è resi subito conto che il primo grosso problema sarebbe stato la mole di cablaggi elettronici da nascondere. Il telaietto posteriore è stato rifatto da zero per poter ospitare un codino con relativa sella racing e doppio faro tondo posteriore, i parafanghi in vetroresina nello stile dell’epoca ed un serbatoio della Lossa Engineering (oltre ad una serie di pezzi creati appositamente per questa moto). Sull’anteriore è stato aggiunto le staffe per reggere il faro tondo, i semimanubri con comandi Tomaselli (frizione) e Grimeca (idraulica); il contagiri è un accessorio racing Kawasaki. Ciclistica e freni sono rimasti quelli di serie mentre le bretelle che imbrigliano il blocco motore sono state risagomate e rese più piccole; il radiatore è stato sostituito con un elemento più piccolo. Oltre alla verniciatura che richiama le grafiche dell’epoca del mezzo di Gary Nixon (compresi i cerchi da 17 pollici  specifici dipinti in oro ed il numero di gara sul dorso del serbatoio), sono state sostituite le pedane, i filtri aria ed è stato creato da LeoVince l’intero sistema di scarico con un ingegnoso disegno 4 in 3 con terminali prelevati da una Kawasaki KX 250 F. Il risultato finale davvero pulito e ben realizzato lo potete ammirare nelle foto che seguono.