martedì 29 aprile 2014

YAMAHA XT 600 DIRT RAD by RADICAL DUCATI

DIRT RAD


La Yamaha XT è una di quelle moto che si possono definire iconiche con una meccanica semplice e robusta ed una ciclistica sincera ed a prova di mulattiera. Sulla base di un modello del 1989 è stata creata da Radical Ducati (il team spagnolo votato alle moto bolognesi che ha “deviato” dal percorso classico con questa XT) una gustosissima moto per il tempo libero e per l’arte del traverso. E se state pensando sia un progetto minore vi sbagliate di grosso! Il telaio è stato modificato per accogliere la forcella di una Yamaha FZR 600 mentre al posteriore è stato montato un ammortizzatore Hagoon. I cerchi Akron da 18 pollici (avanti e dietro) sono in alluminio ed acciaio inossidabile con pneumatici Pirelli Scorpion ed impianto frenante con componenti derivati da una Ducati S4RS. Il motore è stato completamente smontato, rettificato e ricostruito con teste lucidate, collettori Wolfmane terminale Spark GP. I parafanghi sono stati creati appositamente per questa special dal team spagnolo; l’anteriore è stato realizzato in alluminio mentre il posteriore è in carbonio. Il copricatena in alluminio modificato deriva da una 916 mentre il serbatoio è un pezzo della storia delle rosse di Borgo Panigale: un pezzo di una 250 De Luxe del 1970! Sella di una Bultaco Pursang, stop della Lucas (replicato), manubrio Rizoma e faro Puch Minicross 50. Probabilmente non sarà veloce come le Ducati che sono soliti preparare ma sarà sicuramente leggera, agile e divertente sia in strada che fuori. Mi sia permessa un’ultima considerazione; la Yamaha XT è una motocicletta facile da reperire e dal costo ridoto. Magari non userete un serbatoio di una Ducati anni ’70 ed un parafango in carbonio ma tutto il resto è facilmente replicabile nel proprio garage. Come sempre quindi ispiratevi ed iniziate a lavorare.